Speciale Natale

A Tale of Costumes: a Venezia la nuova mostra firmata Louis Vuitton [FOTO]

A Tale of Costumes: a Venezia la nuova mostra firmata Louis Vuitton [FOTO]

La sede dell'Espace Louis Vuitton a Venezia dedica una preziosa rassegna alla storia del costume con la mostra A Tale of Costumes

da in Louis Vuitton, Mostre, Venezia
Ultimo aggiornamento:

    In programma fino al 31 marzo 2016, Venezia ospita A Tale of Costumes, la nuova mostra firmata Louis Vuitton. L’evento nella città lagunare gioca sulla contrapposizione tra passato e presente, con un confronto tra il celebre vestito Andrienne del ’700, le opere dell’artista Movana Chen e le creazioni degli studenti della scuola di costume del Centro Sperimentale di Cinematografia guidati dal costumista Maurizio Millenotti. E l’appuntamento con la moda raddoppia prendendo forma anche presso lo Spazio Etoile Louis Vuitton di Roma.

    Dal 10 novembre 2015 al 31 marzo 2016, Louis Vuitton presenta A Tale of Costumes, un appuntamento da non perdere sul costume come mezzo di espressione nella società del passato, nell’arte contemporanea e nel cinema, che coinvolge l’Espace Louis Vuitton a Venezia e lo Spazio Etoile Louis Vuitton a Roma.
    Tre sono gli abiti esposti a Calle del Ridotto a Venezia: l’Andrienne della collezione del Museo di Palazzo Mocenigo, un secondo abito realizzato dagli studenti del centro Sperimentale di Cinematografia di Roma, con la supervisione di Maurizio Millenotti, che vanta due nomination all’Oscar per i miglior costumi, e una terza creazione ad opera dell’artista cinese Movana Chen. Abiti che raccontano storie di epoche, di persone e di luoghi diversi.
    L’Andrienne è un abito femminile settecentesco stile Maria Antonietta del Centro Studi di Storia del Tessuto e del Costume, appartenente al circuito della Fondazione Musei Civici di Venezia, che la Maison Louis Vuitton e la Fondazione MUVE hanno restaurato.

    L’Andrienne è l’ispirazione per il secondo abito disegnato gli studenti di Roma guidati dal costumista Maurizio Millenotti, che coniuga l’eredità del passato con il linguaggio stilistico della contemporaneità, sottolineando il rapporto di continuità tra la storia e il presente.
    Il terzo abito è stato ideato da Movana Chen, un artista contemporanee di Hong Kong che realizza opere interamente
    “lavorate a maglia”. Il suo lavoro, il Travelling Dress, è composto da leggeri fili di carta delle pagine dei cataloghi della maison Vuitton, con i quali ha reso il passato un utile stimolo per l’interpretazione del presente.
    A Roma invece, lo Spazio Etoile Louis Vuitton di Piazza San Lorenzo in Lucina rende omaggio alla storia del costume sartoriale con gli abiti del cinema, in un racconto che spazia dal passato passando dal presente e arrivando al futuro, da parte dei più celeberrimi artisti del costume italiano, quali Piero Tosi, Gabriella Pescucci, Maurizio Millenotti, Carlo Poggioli, Alessandro Lai e Massimo Cantini Parrini.

    456

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Louis VuittonMostreVenezia

    Speciale Natale

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI