Aste, ancora contesi i cimeli di Gandhi

Aste, ancora contesi i cimeli di Gandhi

Ancora polemiche da parte del governo indiano secondo cui i cimeli di Gandhi appartengono al popolo indiano e così il governo tenta di partecipare ad ogni asta facendone spesso lievitare il prezzo

da in Aste, Collezionismo, Curiosità, Primo Piano
Ultimo aggiornamento:

    Si era tenuta a marzo un’asta record nel quale erano stati dibattuti, con non poche polemiche da parte del governo indiano, alcuni cimeli appartenuti a Gandhi.

    Un’asta, che come dicevo, non era stata poi una passeggiata a causa del governo indiano che con tutti i mezzi legali e burocratici ha tentato di far saltare la vendita poiché tali oggetti appartengono di diritto al popolo indiano. Così in realtà non è andata perché come probabilmente sapete le reliquie sono andate all’asta e hanno perfino segnato dei veri e proprio recod.

    Ma non è finita in quell’occasione perché a quanto pare oggetti e cimeli diventano di tanto in tanto veri e propri protagonisti di aste a cui partecipano i più grandi collezionisti del mondo.

    E ogni volta qualche ricco uomo indiano o il governo si sentono puntualmente in dovere di partecipare per riportare in patria ciò che, secondo loro, gli spetta di diritto.

    Cosa che si ripete ogni volta che un cimelio passa sotto il martello di qualche casa d’aste, ma adesso pare che un nipote del Mahatma abbia invitato le autorità a non partecipare più alle aste poiché questo provoca solo ed esclusivamente un balzo dei prezzi, cosa che andrebbe contro gli insegnamenti dello stesso Gandhi, noto per la sua semplicità e umiltà.

    251

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AsteCollezionismoCuriositàPrimo Piano
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI