Beauty and the Beast: le opere di Judi Harvest e Quentin Garel in mostra a Palazzo Tiepolo Passi

Dal 13 Maggio al 26 Novembre apre a Palazzo Tiepolo Passi a Venezia la mostra di arte contemporanea “Beauty and The Beast”, un’occasione unica per vedere in esposizione le opere di Judi Harvest e Quentin Garel sul tema del rapporto tra l’uomo e la natura: tutti i dettagli dell’evento

da , il

    La mostra d’arte contemporanea “Beauty and The Beast” vede protagoniste le opere di Judi Harvest e Quentin Garel in mostra a Palazzo Tiepolo Passi a Venezia, un evento unico che si terrà dal 13 Maggio al 26 Novembre 2017 e un’occasione da non perdere per tutti gli appassionati del mondo dell’arte. La mostra è ispirata al celebre racconto da cui prende il nome e si terrà nel contesto della Biennale di Venezia 2017. Ma scopriamo tutti i dettagli della mostra.

    Il tema della mostra Beauty and The Beast

    Palazzo Tiepolo Passi facade

    La mostra Beauty and The Beast è stata organizzata dalla Fondation Valmont, la fondazione di arte contemporanea del Gruppo Valmont il cui scopo è quello di diffondere e accrescere l’interesse verso l’arte contemporanea anche supportando artisti emergenti. L’esposizione, come già anticipato, è organizzata in uno splendido palazzo del XVI secolo affacciato sul Canal Grande, Palazzo Tiepolo Passi ed è ispirata al celebre racconto che negli ultimi anni sta godendo di una riscoperta in diversi ambiti, dalla tv al cinema. Ma il tema della mostra Beauty and Beast è ancor più attuale: il rapporto che gli essere umani hanno stabilito con la natura. Il progetto espositivo a forma di Y mette a confronto i temi dell’amore e della redenzione attraverso le opere degli artisti che sono stati scelti per la mostra, consentendo al al visitatore un viaggio armonioso tra le diverse opere e le tematiche dell’esposizione.

    Beauty and The Beast: la Bestia, l’Uomo, la Natura

    Beauty and the Beast official picture 2

    Nella prima sala del celebre Palazzo Tiepolo Passi incontreremo le grandi sculture di Quentin Garel che rappresentano la Bestia, un’allusione da una parte al legame ancestrale dell’essere umano con le altre specie, dall’altra alla perdita di umanità della nostra razza testimoniata ogni giorno dai fatti di attualità. All’intersezione della Y, nella seconda sala, troverete la scultura scimmia di Garel e l’opera di Judi Harvest ispirata alle Api e ai loro alveari: in natura la proliferazione di tantissime piante dipende dal lavoro incessante delle api, così come da loro dipendiamo anche noi per il cibo o per gli abiti che indossiamo. Il passaggio dalla Bestia alla Scimmia, sua evoluzione naturale, arriva alle Api con un’idea di speranza, la speranza di ritrovare come essere umani lo stesso tipo di armonia nel vivere e lavorare insieme nel quadro universale della natura e del mondo che spesso diamo per scontato. Il dialogo tra l’uomo e la natura viene esplorato nelle due successive sale in cui sono esposte le opere di Judi Harvest, tra cui un’istallazione con centinaia di tipi di semi realizzata in Murano, e i vasi di miele di Judi Harvest, esposti in un ambiente che ricorda il bosco di tante fiabe dell’infanzia.

    Vi ricordiamo che la mostra Beauty and The Beast sarà aperta dal 13 Maggio al 26 Novembre 2017, trovate tutti i dettagli sul sito ufficiale.

    Leggi anche:

    5 angoli segreti di Venezia da scoprire

    8 terrazze per l’aperitivo a Venezia

    speciale myluxury

    Speciale Vini Pregiati