Beni di lusso, la contraffazione è Made in Italy

A Firenze la Guardia di Finanza pizzica un giro di contraffazione made in Italy di borse, accessori e scarpe griffate ma contraffatte

da , il

    Lusso ad ogni costo, anche pezzi contraffatti pur di apparire con borse firmate al braccio o accessori apparentemente molto esclusivi. A Firenze la Guardia di Finanza ha sequestrato proprio ieri 210.000 accessori e marchi metallici contraffatti.

    Un giro di contraffazione che a Firenze ha coinvolto 12 aziende e 20 persone che attualmente risultano indagate. A finire nella rete di controlli sulla contraffazione un’attività ben avviata specializzata in lavorazioni elettro-galvaniche, i soci rimangono completamente sbigottiti nell’apprendere che molti dei clienti e dei fornitori sono coinvolti in questa indagine.

    Ma questa volta non si tratta di prodotti cinesi, ma elementi metallici essenziali made in Italy necessari per la decorazione di cinture, scarpe e accessori griffati. Si parla di marchi letteralmente di lusso come Dior, Chanel, Gucci, Louis Vuitton, e ancora Armani, Tod’s e Burberry, insomma tutti accessori che al momento per le nostre tasche in crisi potrebbero rivelarsi un compromesso accettabile.

    La Finanza mette a segno un duro colpo nel mondo della contraffazione made in Italy che la maggior parte di noi sconosce, siamo ormai abituati a pensare che la contraffazione arrivi dai mercati asiatici.

    speciale myluxury

    Speciale Vini Pregiati