Cartier, “Re dei Gioiellieri, Gioiellieri dei Re”

Una grande mostra al Palace Museum di Pechino illustra e ricostruisce il percorso storico che ha legato Cartier alla cultura cinese

da , il

    E’ stata inaugurata il cinque settembre a Pechino una mostra dedicata all’alta gioielleria Cartier, di cui avevamo già avuto modo di parlare e su cui oggi torniamo per svelarvi ulteriori dettagli, oltre che per mostrarvi altri pezzi di alta gioielleria attualmente in mostra al Palace Museum, nel cuore della Città Proibita.

    Cartier Treasures: King of Jewellers, Jewellers to Kings”, letteralmente ”Tesori di Cartier: Re dei Gioiellieri, Gioiellieri dei Re” è la mostra che raccoglie un gran numero della Collection Cartier, tra Oriente e Occidente, un’eccezionale retrospettiva che presenta 450 opere, compresi documenti originali d’archivio, tutti risalenti ad un’epoca compresa tra la fondazione della Maison Cartier e gli anni Settanta del Novecento.

    La mostra, dedicata in parte ai gioielli di corte, è ospitata all’interno dell’antico palazzo degli Imperatori di Cina ed è corredata, tra l’altro, anche di documenti storici relativi a Cartier il titolo di “gioielliere dei re e il re dei gioiellieri”.

    Gran parte dei pezzi esposti a Pechino mette in evidenza l’influsso della cultura cinese sulla creazione di molti dei prestigiosi gioielli firmati dal brand, testimonianze autentiche di tale rapporto che risale più o meno agli inizi del XX secolo.

    Cartier ha importato in alcune delle sue collezioni materiali, motivi decorativi, ideogrammi, bestiario e divinità, che si ripropongono più volte nelle preziose creazioni di alta gioielleria, dimostrazione di come il brand sia rimasto affascinato dal patrimonio culturale di tale paese. Da l’intento di ricostruire il percorso a cavallo tra due culture è nata questa interessante mostra che rimarrà aperta fino al 5 novembre a Pechino.

    Vi lascio con altre immagini che vi permetteranno di farvi un’idea di ciò che è attualmente esposto al Palace Museum. Altre foto le trovate invece nell’altro articolo che abbiamo dedicato alla mostra.

    speciale myluxury

    Speciale Vini Pregiati