NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Cibi di lusso: gli ingredienti più costosi e ricercati del pianeta [FOTO]

Cibi di lusso: gli ingredienti più costosi e ricercati del pianeta [FOTO]

Cibi di lusso e ingredienti rari e pregiati: dallo zafferano al caviale, passando al tartufo e al cocomero da 6mila dollari al pezzo

da in Food & Drink
Ultimo aggiornamento:

    Per chi ama la cucina raffinata ci sono alcuni ingredienti a cui è davvero difficile rinunciare. Si tratta però di alimenti che hanno costi davvero elevati e che non tutti possono permettersi di portare in tavola: non solo caviale e tartufo, forse i più iconici rappresentanti dei cibi di lusso, ma anche carne, frutta e spezie che si distinguono da quelli più comuni per l’alta qualità e la rarità. Non si tratta solo di singoli ingredienti: molto spesso però anche gli chef più bravi e geniali riescono a creare piatti all’apparenza semplici e poveri, abbinando ingredienti ricercati: insomma, il mondo della gastronomia è un vero tesoro di squisitezze. Quali sono però gli ingredienti e gli alimenti più costosi?

    Sembrerà strano, ma il primo della lista è lo zafferano. La spezia più costosa al mondo è ricavata dai pistilli del fiore del fiore del Croco, una pianta con fiori dal colore violaceo: originaria dell’Asia e dei paesi del Mediterraneo, è un elemento usato spesso in cucina, anche nei piatti tradizionali italiani, come il risotto giallo. A renderla così pregiata è la difficoltà della coltivazione: servono aree immense con un’attenzione dettagliata in ogni fase, anche nella raccolta che avviene a mano. Tutto il procedimento fa salire il prezzo fino a 10mila dollari al chilo.

    Si passa poi a un alimento simbolo del lusso in cucina: il caviale. Piccole e squisite uova di pesce, nello specifico lo storione, rende ogni pietanza un vero inno al lusso. Esistono diverse qualità di caviale, anche se la più nota forse è il Beluga. In realtà però non è il più caro: il primato spetta all’Almas, caviale che proviene dall’Iran e che raggiunge un costo di 25mila dollari al chilo. Si trova solo nei migliori ristoranti o a Londra, alla Caviar House & Prunier: a renderlo ancora più speciale le confezione, in oro a 24 carati.

    Gli appassionati di carne lo conoscono già: stiamo parlando del manzo Wagyu, più noto anche se impropriamente come manzo di Kobe, isola dove vengono allevati. La carne è tra le più buone al mondo grazie a un’intensa marmorizzazione del grasso: si narra che gli animali vengano nutriti con birra e massaggiati regolarmente per distribuire meglio il grasso con costi che raggiungono mille dollari al chilo. Nei ristoranti la carne viene accostata in vari modi, come nell’hamburger da record del Seredipity3, di New York, o servito nel taglio a bistecca al Craftsteak, sempre nella Grande Mela per 2.800 dollari.

    Ancora Giappone per un altro ingredienti pregiato: è il cocomero Dansuke, proveniente dall’isola di Hokkaido: noto per la sua dolcezza e la sua rarità, ha un costo più che elevato. Quest’anno ne sono stati prodotti solo 65 il che ha portato a un costo di 6.100 dollari a pezzo.

    Altro prodotto iconico è il tartufo: gusto inimitabile per il tubero più amato e ricercato nelle cucine stellate. I costi sono alle stelle: sono rari anche perché la ricerca è complessa e avviene ancora secondo metodi antichi. L’Italia è considerata patria d’elezione dei migliori tartufi che vengono spesso battuti all’asta: l’Indian Alba Truffle, da 1,5 chili, è stato battuto all’asta di Hong Kong per 160.406 dollari.

    Di semplici panini trasformati in opere d’arte ne abbiamo visto molti: uno di questi è il bagel creato dallo chef Frank Tujague con scaglie d’oro e tartufo bianco che, al costo di mille dollari, è anche il più costoso al mondo. Una pasta lievitata, a forma di ciambella, prima bollita e poi cotta in forno che diventa una vera delizia.

    Mille dollari anche per la Zillion Dollar frittata: a renderla speciale aragosta e due etti di caviale Servuga. Se ci aggiungete anche un gelato della Three Twins Ice Cream di San Francisco, potete arrivare a un conto astronomico: qui i gelati possono partire da 3mila dollari fino ad arrivare a 85mila dollari per il gelato realizzato con neve del Kilimangiaro.

    Se volete “risparmiare” e siete a New York potete provare il gelato “Gran opulenza” del Serendiptiy: vaniglia di Thaiti con scaglie d’oro e ricoperto dallo sciroppo del cacao più caro al mondo, Amedei Porcelana, a cui vengono aggiunti tartufo e sciroppo da dessert a base di caviale per un totale di 1000 dollari.

    Infine due prodotti della natura, sempre provenienti dal Giappone. Uno è il melone cantaloupe, definito il più dolce e succoso al mondo: nonostante la varietà sia coltivata in molti paesi, quello originario del Sol Levante, coltivato in un’area specifica ricca di cenere vulcanica arriva a costare anche 20mila dollari al pezzo.

    A chiudere in bellezza i funghi Matsutake: si trovano solo su determinati alberi e solo in certi periodi dell’anno: un chilo arriva fino a 2mila dollari.

    Insomma, per chi ama la cucina raffinata ed esclusiva ci sono ingredienti irrinunciabili e piatti da provare almeno una volta nella vita: basta non pensare al conto finale o essere in grado di esaltare i sapori di ingredienti rari e pregiati.

    Mal che vada si può scegliere un ristorante di alto livello: non si potrà mangiare tutti i giorni caviale e tartufo, ma ogni tanto è piacevole lasciarsi andare.

    898

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Food & Drink
    speciale myluxury

    Speciale Vini Pregiati

    PIÙ POPOLARI