Collezionismo: venduto ad una cifra record un raro penny in bronzo

Collezionismo: venduto ad una cifra record un raro penny in bronzo

Venduto negli Stati Uniti il penny più costoso del mondo

da in Collezionismo, Curiosità, Monete, news
Ultimo aggiornamento:

    penny bronzo

    Nel 1943 negli Stati Uniti d’America iniziarono a coniare le monete da un penny in acciaio rivestito di zinco, per risparmiare il rame, utilizzato fino a quel momento per i penny, che sarebbe stato impiegato per la Seconda Guerra mondiale. Quell’anno nella zecca di Denver, fu coniato per errore un penny di bronzo, ricavato da un vecchio stampo risalente al 1942, che è diventato oggi il penny più costoso del mondo. La moneta in questione è stata, infatti, venduta per la cifra record di un milione e 700 mila dollari.


    Ad occuparsi della vendita è stata la Legend Numismatics di Lincroft, New Jersey, un’azienda che si occupa esclusivamente della vendita di monete antiche. Laura Sperber, presidente della Legend Numismatics afferma: “Questo è sicuramente il penny più costoso del mondo.

    E’ l’unico esemplare al mondo di penny in bronzo, creato nella zecca di Denver, datato 1943. Ci sono voluti quattro anni di negoziazioni per convincere il precedente proprietario a vendere la rara moneta”.

    La maggior parte dei penny nel 1943, veniva coniata in acciaio rivestito di zinco, un materiale di poco valore, per risparmiare il rame per la Seconda Guerra Mondiale. Tuttavia gli esperti sono riusciti a scoprire venti di queste monete che furono, per errore coniate in bronzo, nelle zecche delle città di Philadelphia e San Francisco, ma questo è l’unico penny in bronzo coniato a Denver.

    Il nuovo proprietario, un uomo d’affari del sud la cui identità rimane sconosciuta, è un grande collezionista, appassionato di numismatica e sta girando il paese alla ricerca di tutte le monete in bronzo, erroneamente coniate in quell’anno, per esibirle ad una convention di monete rare che si terrà il prossimo 6 gennaio 2011 a Tampa in Florida.

    365

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN CollezionismoCuriositàMonetenews
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI