Come degustare il caviale, trucchi e consigli da gourmand

Il caviale non è più un cibo esclusivo destinato ad una piccola élite, ma è sempre più comune sulle nostre tavole delle grandi occasioni. Ma come degustare il caviale nel modo giusto? Come riconoscerne la qualità e sapere per davvero che siamo davanti ad un prodotto di qualità? Ecco i nostri consigli su come degustare il caviale senza errori.

da , il

    Come degustare il caviale, trucchi e consigli da gourmand

    Imparare come degustare il caviale nel modo giusto è importante per capire meglio questo prodotto e per non perdere nessuna sfumatura del suo particolare sapore. Infatti, il caviale è un cibo dal gusto deciso e, per alcuni, non sempre piacevole, ma è ormai immancabile sulla tavola delle grandi occasioni come aperitivo, magari abbinato a bollicine secche e a blin russi. Ma come degustare il caviale senza errori? Quali sono i segreti che possiamo mutuare dagli esperti? Scopriamolo assieme.

    Le diverse varietà di caviale

    Prima di cominciare con i nostri consigli su come degustare il caviale, bisogna precisare che ne esistono diversi tipi. In generale, possiamo affermare che il caviale per eccellenza è solo quello realizzato con uova di storione, contraddistinto da un colore che va dal nero al grigio scuro (in alcuni casi bluastro). I caviali “minori”, più economici, sono quelli realizzati con uova di salmone, riconoscibili dal colore aranciato; o con uova di pesce spatola americano, che prendono un colore nero brillante abbastanza simile al caviale di storione.

    In ogni caso, il caviale per eccellenza è quello realizzato con uova di storione e con tecnica “malossol”, ovvero con poco sale e uova integre.

    Gli utensili per degustare il caviale

    Trattandosi di un prodotto molto delicato, è assolutamente sconsigliato impiegare utensili di metallo o plastica per prendere il caviale, in quanto il gusto potrebbe esserne compromesso. Preferite, invece, un cucchiaio di madreperla o, in alternativa, di osso o corno.

    Valutare l’aspetto del caviale

    Per valutare il suo aspetto e degustare il caviale al meglio, prendetene una piccola quantità con il cucchiaino di madreperla e ponete le uova nell’incavo fra indice e pollice: sebbene questa azione possa sembrarvi bizzarra, è un modo ottimo per controllare l’aspetto del caviale e per far sprigionare il suo odore a contatto con il calore della pelle.

    Adesso, passate alla valutazione vera e propria. Muovete delicatamente il polso, in modo che il caviale venga illuminato dalla luce e verificate l’eventuale presenza di uova rotte, la loro lucentezza e dimensione. Se ci sono grani rotti, molto probabilmente il prodotto non sarà stato lavorato e/o conservato nel modo giusto; ugualmente, se le uova risultano opache, il caviale potrebbe non essere fresco. Infine, valutate la dimensione: le uova dovrebbero avere una grandezza abbastanza omogenea fra loro.

    Valutare il profumo del caviale

    Il caviale va posto nell’incavo fra pollice ed indice in modo che il calore del corpo lo scaldi e sprigioni, di conseguenza, il suo profumo: infatti, essendo un prodotto che va conservato in frigo, potrebbe essere difficile definire tutte le note aromatiche. In ogni caso, il processo avviene già dopo pochi secondi.

    Portate la mano vicino al naso e valutate il profumo del caviale. E’ molto importante che questo non abbia un odore molto forte, ma che solo vagamente ricordi quello del mare, senza essere riconducibile al pesce conservato. Ricordate, infine, che un buon caviale non lascia nessun odore forte sulla pelle, una volta assaggiato.

    Degustazione e sapore

    Dopo queste valutazioni, possiamo degustare il caviale. Assaggiatene una piccola quantità, senza esagerare, e lasciate che il palato assapori lentamente il gusto. La sapidità di un buon caviale deve essere quasi assente, così come l’odore non deve ricordare per niente il pesce conservato, altrimenti siamo di fronte ad un prodotto di scarsa qualità. A seconda della provenienza dello storione, possiamo invece avere dei sentori diversi come quelli relativi alla frutta secca o sapori più marini come quello dei mitili, delle alghe, del pesce fresco o dei crostacei.

    Come abbinare il caviale

    Chiudiamo la nostra lista di consigli su come degustare il caviale suggerendovi un abbinamento utile per assaporarlo al meglio. Il caviale può essere servito su crackers non salati o sui blin russi, accompagnato eventualmente da una spruzzata di erbe aromatiche come quella cipollina. Da bere assolutamente bollicine secche.

    speciale myluxury

    Speciale Vini Pregiati