Come saranno i matrimoni italiani del 2018?

Allestimenti, location, menù, fiori e non solo: quali saranno le tendenze in fatto di matrimoni per il 2018? Un sondaggio ha svelato le scelte preferite dagli italiani nel giorno più bello nella vita di ogni coppia

da , il

    Come saranno i matrimoni italiani del 2018?

    Scegliere è un verbo bellissimo e se si unisce alla parola sposi, diventa superlativo, ma non di sole lacrime, di gioia naturalmente, e risate è fatto un matrimonio. Eccovi quindi come sarà il matrimonio degli italiani e “quali le tipologie di location preferite da chi sta organizzando il giorno più bello della propria vita”. I dati si evincono da un duplice studio di Zankyou e ProntoPro Sposi, che si sono fatti esattamente questa domanda. A rispondere a Zankyou ci hanno pensato gli oltre 200.000 sposi pervenuti sul portale dall’1 gennaio 2017 esprimendo in larga percentuale un apprezzamento, nonostante tutto, per la tradizione.

    Michela Iaccarino Fotografia
    Foto di Michela Iaccarino Fotografia

    Il 58% delle coppie opterà, infatti, per ville, borghi, tenute e palazzi, con la loro offerta di servizio molto adattabile a qualunque tipo di festeggiamento, seguita da un secondo posto, che si attesta al 18%, nella scelta di stile dell’hotel. Un tipo di scenario che offre particolari benefici fotografici, tendenzialmente grazie ai suoi affacci, e che dispone talvolta di una cappella privata per un eventuale rito più intimo e informale per gli sposi.

    Il ristorante si piazza al terzo posto, con un 11%, altra location tradizionale, che però nel tempo ha saputo adattarsi, sostituendo, a richiesta, i pranzi infiniti con nuovi festeggiamenti più leggeri come: colazioni, brunch, tea time e wedding happy hour.

    Al quarto troviamo le location rurali (7%) e questo è sicuramente dato da una delle mode più eleganti del momento, lo stile shabby chic, fenomeno che cattura un’attenzione sempre crescente per molte coppie di sposi. E a seguire i castelli (4%), probabilmente perché realizzare il sogno di vivere un giorno da re e regina resta intramontabile, soprattutto nella scolpita bellezza immortale di una dimora storica.

    In ultimo, ma non certo per importanza, al 2% è stato sommato quel trend che raggruppa le coppie che preferiranno un’ambientazione unconventional. Parliamo di urban chic: modo di festeggiare in strutture in disuso, come vecchi cinema, serre e capannoni, restaurate con lo scopo di ospitare eventi privati; ma parliamo anche di nozze in riva al mare o in campagna e di pic-nic wedding.

    Una conferma per la tradizione arrivata anche da ProntoPro Sposi che forte di un campione di 5.000 preventivi inviati da professionisti del mondo del catering ha scoperto che “il 46% delle coppie italiane sceglie un menu a base di carne, il 34% a base di pesce e il 20% lo preferisce vegetariano”.

    Percentuali che mostrano senza dubbio una forte componente tradizionale ancora viva nella cultura italiana, ma anche affiancata da idee e innovazioni. Del resto non è che il vecchio non basti, ma il divenire non guasta mai.

    speciale myluxury

    Speciale Vini Pregiati