Design, maschere antigas griffate

Diddo Velema esprime un sentimento, una vera e propria filosofia di vita, attraverso le maschere antigas che trasforma in veri e propri accessori griffati

da , il

    Abbiamo già avuto modo di valutare l’ossessione per le griffe di gente che di volta in volta si inventa qualcosa di nuovo, banale o meno, ispirandosi ai grandi luxury brand. Proprio qualche tempo fa avevamo visto una casa tappezzata dai monogrammi della maison francese Louis Vuitton.

    Quello della casa è stato certamente un gesto estremo ma ricordo di aver visto su internet immagini di sacchetti per l’immondizia griffati, cerotti con i monogrammi LV e perfino una macchina in stile Louis Vuitton. Follia o creatività? Non saprei, penso soltanto che in qualche caso il risultato si rivela davvero di pessimo gusto.

    In questo caso rimango senza parole, sia perché ho terrore delle maschere antigas, mi fanno decisamente una cattiva impressione, sia perché non credo che mi possano piacere neppure in stile haute couture. Diddo Velema, il designer che ha avuto questa folle idea esprime in effetti un preciso concetto e stato d’animo attraverso queste maschere che lui trasforma in accessori di lusso un po’ più attraenti.

    Secondo il designer viviamo in uno stato di guerra perpetua con noi stessi e con gli altri. La paura che ci assale si manifesta, in un mondo consumistico come il nostro, attraverso oggetti della nostra cultura collettiva che esprimo un senso estremo di autenticità. Diddo Velema mette in scena questi sentimenti attraverso oggetti che diventano il simbolo di una guerra a colpi di griffe.

    speciale myluxury

    Speciale Vini Pregiati