Fabrizio Politi, un Comitato provvisorio Leasing & Nautica

Fabrizio Politi, un Comitato provvisorio Leasing & Nautica
  • Commenti (3)
  • Condividi
  • Email
  • Stampa

Ceo Fabrizio Politi

Crisi anche per il settore dei beni di lusso, e non dico nulla di nuovo, la recessione ha messo in ginocchio la nostra economia e a pagarne le spese siamo tutti noi, ma adesso è tempo di reagire, e Fabrizio Politi ha detto la sua in merito.

  • Politi Navi
  • Fabrizio Politi
  • Politi

Per reagire al contraccolpo della crisi vs il settore della nautica” – ha dichiarato Fabrizio Politi, CEO dei Cantieri Navali Fashion Yachts – “dobbiamo unirci e creare un unico soggetto, che possa creare le soluzioni ai recenti problemi soprattutto in tema di leasing. Propongo di istituire il CopL&N, Comitato provvisorio Leasing & Nautica“.

Pare che proprio alla nautica la crisi abbia inferto un colpo molto forte e adesso il settore si trova stretto tra due fronti, da un lato la diminuzione della domanda e dal’altra le difficoltà ad accedere al Leasing Nautico, strumento di finanziamento tipico del settore. Per questi motivi moltissimi cantieri hanno dovuto rallentare la produzione se non fermarla, situazione che generato licenziamenti e contrazione del mercato. Nonostante qualche segnale di ripresa il problema persiste.

La situazione si è incagliata e tutti noi dobbiamo reagire!” insiste Politi, proponendo – “la nascita del CopL&N, il “Comitato Provvisorio Leasing & Nautica” che dovrà coinvolgere tutti i soggetti interessati: Cantieri Nautici, Società di Leasing, Fondi di Garanzia, Assicurazioni del credito, Banche, Broker nautici e Broker finanziari.

Lo scopo di questo comitato sarà quello di formulare nuovi standard per l’accesso al finanziamento, strumento di vitale importanza per la sopravvivenza del settore, con adeguate garanzie agli istituti finanziari. Questo consentirà di aumentare la capacità d’acquisto e quindi riequilibrerà la domanda e l’offerta di barche di lusso.

Anche se Aziende Private dobbiamo incontrarci con la reale motivazione di definire nuovi standard per la ripresa del mercato che ci accomuna, è un dovere sociale, un dovere nei confronti delle nostre Aziende, verso i lavoratori e nei confronti del nostro Paese Italia“, conclude Fabrizio Politi.

377

Condividi questo articolo con i tuoi amici di Facebook

Gio 18/06/2009 da in

Commenta

Ricorda i miei dati

I commenti possono essere soggetti a moderazione prima della pubblicazione, pertanto potreste non vederli direttamente online non appena li inviate. Se ritenuti idonei, verranno comunque pubblicati entro breve.

Pubblica commento
Lino Battigaglia 22 giugno 2009 09:58

Con attenzione con la diligenza del buon padre di famiglia con il tatto dovuto per non urtare le suscettibilità delle case mandanti occorre fare chiarezza, morigerare il settore e legiferarlo con addetti al settore che ogni giorno parlano con armatori e ne che condividono problemi mediando le soluzioni. Sono assolutamente D’accordo. Sarò presente. Grazie

Rispondi Segnala abuso
15 settembre 2009 13:26

…e il presidente chi sarà…?chi gestirà i soldi…? No, grazie….

Rispondi Segnala abuso
Lino Battigaglia 15 settembre 2009 13:40

non ci sono soldi da gestire ma solo burocrazia , lavoro e pazienza nel far comprendere agli operatori la bontà della clientela……….

Rispondi Segnala abuso