Guida Michelin 2010: i migliori ristoranti d’Italia

Guida Michelin 2010: i migliori ristoranti d’Italia

Per la guida Michelin 2010 sono stati monitorati 6300 ristoranti in oltre 2000 località italiane, classificati e votati in base a cinque criteri: la qualità, il sapore, l’innovazione in cucina, il rapporto qualità-prezzo e i giudizi passati

da in Alta Società, Città, Classifiche, Cucina, Food & Drink, Locali Lussuosi, Primo Piano, Ristoranti di Lusso
Ultimo aggiornamento:

    guida michelin

    Se si vuole mangiare bene, consapevoli che i voti espressi sono frutto di anni di esperienza e di raffronti, sa che la Guida Michelin è una tappa obbligata. E ogni anno la gara tra ristoranti per accaparrarsi un posto tra le pagine della guida stellata è all’ultima portata. Qui i migliori ristoranti, di ogni categoria, da una a tre stelle. Questa in estrema sintesi la peculiarità di una guida che è diventata un icona del buon mangiare. Quest’anno sono stati più di 6300 i ristoranti monitorati in oltre 2000 località italiane, classificati e votati in base a cinque criteri: la qualità, il sapore, l’innovazione in cucina, il rapporto qualità-prezzo e i giudizi passati.

    Ma è in cima alla classifica che bisogna guardare se si vogliono mettere i piedi sotto il tavolo dei migliori ristoranti. Molte conferme e qualche novità, vediamole.

    Il ristorante “Dal Pescatore” a Canneto sull’Oglio in provincia di Mantova viene confermato nella top ten. Con esso “Le Calandre” nel Veneto, “L’enoteca Pinchiorri” a Firenze, “La Pergola”, noto ristorante di Roma che vanta una lista vini da restare senza parole. Confermato il ristorante “Al Sorriso”di Novara.

    Ma quale sarà la nuova entrata? Siete curiosi? Beh, se passate da Bergamo non potrete non fare tappa “Da Vittorio”, a Brusaporto per la precisione.

    Cucina locale, creativa, con l’uso dei prodotti del territorio.

    La famiglia Cerea vi accoglierà a braccia aperte per farvi assaggiare alcuni dei piatti forti. I prezzi sono decisamente all’altezza della qualità. A la carte, si possono spendere dai 30 ai 140 euro per un antipasto e dai 30 agli oltre 100 euro per primi e secondi.

    Due stelle per l’”Antica Corona Reale” di Cervere, in provincia di Cuneo, “Il Pellicano” di Porto Ercole (Grosseto), “La Madia” di Licata (Agrigento), il “Met” dell’Hotel Metropol di Venezia, “Il Mosaico” di Casamicciola Terme a Ischia ed il Trenkerstube di Tirolo, in provincia di Bolzano. Buon appetito.

    399

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Alta SocietàCittàClassificheCucinaFood & DrinkLocali LussuosiPrimo PianoRistoranti di Lusso
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI