Hollywood Roosevelt Hotel, per un soggiorno esclusivo tra passato e presente

Hollywood Roosevelt Hotel, per un soggiorno esclusivo tra passato e presente

L'Hollywood Roosevelt Hotel è tra i preferiti dei divi del cinema: una lunga storia che risale agli albori di Hollywood e che ha conquistato le stelle di ieri e di oggi, tra lusso ed esclusività

da
Ultimo aggiornamento:

    Ci sono alcuni hotel dove le star del cinema sono di casa e uno di questi è sicuramente l’Hollywood Roosevelt Hotel. Non è solo un hotel di lusso ma un vero pezzo di storia della settima arte made in USA.: la sua costruzione risale al 1927 e qui si tenne la prima consegna degli Oscar. Dalle sue suite, piscine e bar sono passati i più grandi divi di Hollywood e a due di loro sono anche dedicate due suite, la Marilyn Monroe Suite e la Gable Lombard Penthouse. Inserito nell’Archivio dei Beni Storici del paese, dai fasti di allora ha conosciuto alti e bassi fino a un’imponente opera di ristrutturazione che lo ha rimesso letteralmente a nuovo, coniugando il fascino dell’era d’oro di Hollywood a quello delle star di oggi.

    Se le star dispongono di ville extralusso in cui perdersi tra camere e piscine immense, quando sono fuori casa vogliono il meglio anche in fatto di hotel. L’Hollywood Rosevelt fin dalla costruzione è stato tra i preferiti dei divi del cinema e la sua lunga storia è legata al dorato mondo della settima arte.

    Situato lungo l’Hollywood Boulevard a un isolato a ovest del Chinese Theatre è una pietra miliare della stessa città di cui ha anticipato mode e umori. La fondazione risale al 1927 quando un team di personalità del cinema (tra cui Mary Pickford, Douglas Fairbanks, Sid Grauman, e Louis B. Mayer) capì che ai cineasti della costa orientale serviva in indirizzo di un certo pretigio dove alloggiare a Hollywood. A inaugurarlo ci furono i divi più importanti dell’epoca come Will Rogers, Charlie Chaplin, Harold Lloyd, Clara Bow, Greta Garbo e Gloria Swanson.

    Le suite e gli spazi comuni hanno visto alcuni momenti storici: Shirley Temple seguì la sua prima lezione di tip-tap lungo la scalinata dell’hotel, Marilyn Monroe posò per la sua prima pubblicità sul trampolino della piscina.

    La diva divenne un’assidua ospite dell’albergo che le ha dedicato la suite, come per Clark Gable e Carole Lombard che alloggiavano in una suite da 5 dollari a notte allora, l’equivalente di 3.500 dollari di oggi.

    L’hotel ha avuto anche un periodo di declino e si era pensato di demolirlo intorno agli anni ’80: a salvarlo fu l’intervento della catena alberghiera Thompson Hotels, attuale proprietaria, che, disegni originali alla mano, ha dato il via a un lavoro di restauro da 35 milioni di dollari, modernizzando le stanze, il bar, il lounge e il ristorante senza perdere il fascino antico. Celebrità come Bruce Willis, Kirsten Dunst, Lindsay Lohan, Eva Longoria, Jake Gyllenhaal, Scarlett Johansson, Paris Hilton, Nicole Richie, Topher Grace e Hugh Hefner sono spesso ospiti delle feste organizzate dall’hotel, specie al Tropicana Bar, a bordo piscina.

    Per chi vuole vivere il glamour della vecchia Hollywood senza rinunciare a quella di oggi l’Hollywood Rosevelt Hotel è il posto giusto. Tra l’altro pare che i fantasmi di Marilyn Monroe e Montgomery Clift si aggirino tra i corridoi: chissà se qualcuno li ha mai visti.

    514

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Ultimo aggiornamento: Domenica 29/05/2016 08:10
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI