I figli dei Presidenti degli Stati Uniti, tutti i giovani della Casa Bianca

Cosa significa essere figli dei Presidenti degli Stati Uniti? Scopritelo in questa mini rassegna dedicata a tutti giovani della Casa Bianca più seguiti dai media e dal pubblico.

da , il

    Essere i figli dei Presidenti degli Stati Uniti non è semplice. Lo sta provando ora Barron Trump e prima di lui Malia, Sasha e tutti i giovani della Casa Bianca che si sono trovati loro malgrado costantemente sotto i riflettori. Ogni gesto dei rampolli presidenziali viene infatti fotografato, diffuso e giudicato in tutto il mondo: è stato cosi fin dai tempi dei piccoli Kennedy che piangevano la tragica scomparsa del padre e lo è naturalmente oggi nell’era di internet e dei social. Alcuni sono stati molto ammirati, altri invece hanno ricevuto grandi critiche: scoprite insieme a noi le loro storie.

    Barron Trump

    Suo padre si è insediato alla Casa Bianca da poche settimane è già l’attenzione è tutta su di lui: Barron Trump, l’ultimo in ordine temporale dei figli Presidenti degli Stati Uniti. Nelle foto ufficiali sembra più grande dei suoi 10 anni, sempre ritratto in giacca e cravatta e forse un poco a disagio sotto la luce dei flash, a differenza della mamma Melania considerata ormai un’icona di stile. Ma nei rari scatti informali – come questo, catturato il giorno prima del giuramento di Trump – Barron non appare molto diverso da tanti suoi coetanei, spettinato e con lo zaino in spalla.

    Malia e Sasha Obama

    Anche Malia e Sasha Obama sono arrivate alla Casa Bianca molto giovani, rispettivamente a 11 e 8 anni. Sono cresciute sotto l’occhio attento dei media, che ne ha analizzato ogni gesto: dall’impegno nello studio e verso il sociale alle “gaffe” come la sigaretta fumata da Malia durante una kermesse musicale (in America la lotta al fumo è molto sentita). Oggi le due sorelle Obama sono due giovani donne con un proprio stile che negli anni si è modificato e tra tutti i figli dei Presidenti degli Stati Uniti sono forse le più amate e ammirate.

    Chelsea Clinton

    Tra tutti i giovani della Casa Bianca è quella più abituata alle crisi e al gossip. Stiamo parlando di Chelsea Clinton, ora 37enne, che è riuscita a superare ogni bufera, dimostrando sempre un grande affetto nei confronti dei genitori e piena sicurezza in se stessa. Anche se per un’adolescente non è mai piacevole essere criticata per l’aspetto fisico e se aveva solo 15 anni quando scoppiò lo scandalo Lewinsky. Forse proprio per questo durante la campagna elettorale ha difeso il piccolo Trump chiedendo ai media di lasciargli fare il bambino.

    Jenna e Barbara Bush

    Le gemelle Jenna e Barbara Bush avevano 19 anni quando il padre salì alla casa Bianca e si distinsero subito tra i figli dei Presidenti degli Stati Uniti per i loro atteggiamenti ribelli. Vennero infatti fermate dalla polizia mentre tentavano di acquistare superalcolici pur non avendo ancora l’età idonea e condannate a 8 ore di servizi sociali per presentazione di documenti falsi. Oggi hanno 35 anni e sono professioniste affermate: Jenna è anche madre di due bimbe, che vediamo in questa foto (sotto l’ombrello).

    Ron Reagan Jr.

    A differenza della sorella maggiore Patti Davis che era di indole ribelle e arrivò a posare nuda per Playboy, Ron Regan Jr. era un 23enne taciturno. Studente di danza, tra tutti i giovani della Casa Bianca è stato forse il più schivo, lontano dal clamore mediatico. Solo dopo la conclusione del mandato del padre dichiarò di simpatizzare per il partito democratico, tanto da schierarsi pro Obama. Oggi è giornalista e conduttore Tv e radiofonico.

    Amy Carter

    Amy Carter arrivò a Washington con l’elezione del padre Jimmy nel 1977, quando aveva 9 anni. Dopo i piccoli Kennedy, era la prima dei figli del Presidenti degli stati Uniti a vivere alla Casa Bianca e per questo fu sempre sotto i riflettori.

    Caroline e John Kennedy

    Tra i figli dei Presidenti degli Stati Uniti i più giovani furono Caroline e John Kennedy: i due bambini avevano rispettivamente 6 e 3 anni quando il padre fu assassinato nel 1963. La foto del piccolo John vicino alla bara fece il giro del mondo e quando nel 1999 il giovane morì in un incidente aereo, fu interpretato come il segno di un tragico destino.

    speciale myluxury

    Speciale Vini Pregiati