I gioiellieri italiani più famosi

Se oggi abbiamo grandi marche di oreficeria in Italia, lo dobbiamo all'estro e alla bravura dei gioiellieri italiani più famosi, che rappresentano le radici di uno dei settori del Made in Italy più apprezzati. I gioielli italiani di lusso non temono rivali e molti dei gioiellieri di cui parleremo hanno avuto l'onore di vedere i propri monili protagonisti di mostre internazionali.

da , il

    I gioiellieri italiani più famosi

    Quando parliamo dei gioiellieri italiani più famosi, sappiamo bene che ci stiamo apprestando a compiere un viaggio in una delle eccellenze nostrane. La tradizione orafa nel nostro paese affonda le proprie radici in un passato antico e glorioso, che non teme rivali, e che ancora oggi risulta essere fra le più apprezzate del settore per raffinatezza, buongusto e tecnica. I gioiellieri italiani più famosi rappresentano, poi, anche i nomi delle case di gioielli più celebri al mondo, che a tutt’oggi diffondono il marchio Made in Italy nel comparto dell’oreficeria internazionale.

    Ma quali sono i gioiellieri italiani più famosi? Vediamolo assieme.

    Sotirios Voulgaris di Bulgari

    Sebbene il nome tradisca una provenienza esotica, Bulgari è uno dei marchi storici dell’oreficeria italiana. Il suo fondatore, Sotirios Voulgaris, proveniva da piccolo villaggio arumeno dell’Epiro, Kalarites, e produceva gioielli in argento. Si spostò in Italia in cerca di fortuna nel 1881 assieme alla sua famiglia e si stabilì prima a Napoli e poi a Roma.

    Assieme a colui che fu il suo socio di allora, Demetrio Kremos, nel 1894 cominciò a realizzare gioielli in argento e li espose nella vetrina di una gioielleria sita in via Sistina a Roma: da qui in poi, si mossero i primi passi del marchio Bulgari. La qualità e l’estro dei monili proposti ottennero un immediato successo, tant’è che i due si decisero ad aprire una propria boutique ampliando l’offerta con prodotti realizzati non più solo in argento, ma anche in oro e pietre preziose.

    Mario Buccellati per Buccellati

    #RadicalSelfLoveJuly Day #2. My idol #MarioBuccellati. Master goldsmith, #jewelrydesigner, and #familybusiness man.

    A post shared by Kristoff Jewelers (@kristoffjewelers) on

    Nato nel 1891, Mario Buccellati fu il fondatore dell’omonima azienda orafa. Originario di Ancona, mosse i suoi primi passi all’interno di una bottega orafa di Milano in tenera età, per aiutare economicamente la famiglia. Nel 1915 partì come soldato per la prima guerra mondiale, ma una volta tornato riprese a lavorare nel vecchio negozio, che rilevò qualche anno dopo, nel 1919. Nel 1925 decise di aprire un nuovo esercizio a Roma, a via Condotti, mentre nel 1929 aprì bottega a Firenze.

    Fondamentale per la fama del marchio Buccellati fu l’amicizia con Gabriele D’Annunzio, che amava indossare i gioielli del suo amico Mario.

    Enrico Grassi Damiani per Damiani

    Fra i gioiellieri italiani più famosi non possiamo non ricordare Enrico Grassi Damiani, che nel 1924 fondò a Valenza il primo nucleo di quella che è oggi una delle aziende orafe votate al lusso più celebre. Fin dagli albori, Damiani realizzò gioielli per impreditori e nobili, che richiedevano pezzi unici e molto costosi, condizione che ha poi contraddistinto la produzione della casa orafa specializzata, appunto, in monili di lusso.

    Qualche anno più tardi, l’azienda viene ampliata dal figlio Damiano e ad oggi controlla diversi marchi del settore.

    speciale myluxury

    Speciale Vini Pregiati