Speciale Natale

I migliori vini italiani: le bottiglie da classifica [FOTO]

I migliori vini italiani: le bottiglie da classifica [FOTO]

I vini italiani più buoni, le punte di diamante della nostra produzione agroalimentare

da in Classifiche, Vini Pregiati
Ultimo aggiornamento:

    I migliori vini italiani rappresentano un vero vanto del nostro paese. L’Italia è infatti non solo leader mondiale nella produzione di vini, ma anche leader nella produzione di vini di qualità. E oggi vi vogliamo segnalare quali fra questi sono i migliori vini rossi e i migliori vini bianchi. La differenza nella loro preparazione e nel conseguente colore che assumono dipende principalmente dalla presenza o meno delle vinacce durante la macerazione e dalla durata di quest’ultima.

    Il vino bianco è ottenuto dalla spremitura dell’uva senza buccia, presenta un colore tendenzialmente giallo e la temperatura ottimale per essere consumato va dagli 8 ai 14°C.
    Nella classifica dei migliori vini italiani bianchi la prima posizione è del La Rocca 2012, di Leonildo Pieropan. L’azienda, fondata nel 1880, è situata nel cuore della zona classica del Soave nel veronese, e il vigneto La Rocca gode di un microclima particolare che consente di ottenere un vino con bouquet e note gustative uniche e non riproducibili, propri di un vino di razza.
    Seconda posizione per lo Chardonnay Elevé en Fût de Chêne 2012 della Maison Anselmet, un vino bianco fermo, di medio corpo, morbido e profumato, elegante e fresco, con intensi sentori fruttati e floreali, e affinato in barrique. L’Azienda nata nel 2001 è cresciuta grazie anche ai preziosi consigli e ai suggerimenti di Beppe Caviola, e ogni sua bottiglia racchiude la filosofia, la passione e il carattere della Maison e degli Anselmet.
    Terza posizione nella classifica dei migliori vini bianchi italiani per il Vorberg riserva 2011, un Pinot bianco della Terlano, una delle cantine sociali di montagna che hanno garantito la conservazione dell’agricoltura in quota, e che vede il vigneto per la produzione delle uve di questo Pinot posto ad un altitudine che va dai 500 fino a 900 metri.
    Il quarto vede il Soave Classico Monte Grande 2013 del vignaiolo Graziano Prà, che ha elevato a fama internazionale piccoli territori come il Colle Sant’Antonio, il Monte Grande e la Morandina. Il Monte Grande è piacevole al naso con una bella tipicità Garganega, e al palato è ampio e dotato di una netta sapidità e freschezza.
    Quinta posizione per il Kolbenhof 2012 di Hofstätter, un’azienda ricca di tradizione fondata nel 1907, e che con i suoi 50 ettari di vigneti è tra le aziende viticole più grandi dell’Alto Adige. Questo Gewürztraminer è una selezione di una vigna della tenuta Kolbenhof di Tramin – Termeno, ed è un vino bianco che convince per elegante tipicitá e persistenza.

    A differenza di quello bianco, il vino rosso si ottiene utilizzando uve fresche insieme alla loro buccia colorata e la temperatura ottimale per essere consumato va dai 14 ai 20°C.
    La prima posizione nella classifica dei migliori vini rossi italiani vede la regione Piemonte e il Monprivato Barolo Docg 2010 della Cantina Mascarello Giuseppe e Figlio. I componenti della famiglia Giuseppe Mascarello si occupano di viticoltura da oltre un secolo e mezzo, e ha in proprietà circa 15 ettari di vigneto tutti situati nella zona del Barolo.
    Al secondo posto un altro Barolo, il Brunate Barolo Docg 2011 della Cantina Francesco Rinaldi & Figli, un’azienda storica sulla collina Cannubi, la più famosa della zona del Barolo, dove i terreni danno all’uva Nebbiolo caratteristiche uniche.
    Terzo posto per un vino toscano pregiato, il Costa Toscana Igp Cabernet Franc 2012 dell’azienda vitivinicola Duemani e prodotto secondo l’agricoltura biodinamica nelle colline di Riparbella.
    Al quarto posto fra i vini italiani più buoni, il Parafada Barolo Docg 2011 di Palladino, azienda di Serralunga d’Alba, nel cuore della produzione del Barolo. Dal sapore corposo, austero e concentrato, questo Barolo ha un sentore di lamponi e ciliegie con un fondo di vaniglia e un colore rosso rubino con riflessi porpora e aranciati.
    Il quinto posto è per Vecchio Samperi Ventennale di Marco De Bartoli, l’azienda a dodici chilometri da Marsala in Sicilia che produce questo vino liquoroso affinato in botti di rovere.

    732

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN ClassificheVini Pregiati

    Speciale Natale

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI