Il rubino birmano più caro al mondo venduto all’asta da Sotheby’s

Il rubino birmano più caro al mondo venduto all’asta da Sotheby’s

Il Sunrise Ruby ha trovato un nuovo proprietario ed è ora la pietra preziosa non diamante più costosa al mondo

da in Aste, Gioielli, Sotheby's
Ultimo aggiornamento:
    Il rubino birmano più caro al mondo venduto all’asta da Sotheby’s

    Asta da record da Sotheby’s per il rubino birmano più caro al mondo, venduto alla cifra record di 30 milioni di dollari. La serata, organizzata dalla casa d’asta a Ginevra, ha visto molte pietre eccezionali, ma il vero protagonista è stato il “Sunrise Ruby“, splendida gemma dal naturale rosso vivo, definito “sangue di piccione”. Per averlo, l’anonimo offerente ha dovuto lottare con un avversario tramite offerte telefoniche, arrivando ad aggiudicarsi la pietra dopo una lunga ed estenuante trattativa a colpi di rialzo. Per Sotheby’s è stato un grande successo: per il nuovo proprietario la soddisfazione di avere una gemma unica, di rara bellezza.

    La stessa casa d’asta era riuscita a segnare un altro record con la vendita dello scorso aprile del diamante perfetto, splendida pietra battuta per 22 milioni di dollari. Ormai, anche il settore delle aste di pietre e gemme fa registrare risultati impressionanti, con pezzi che superano di gran lunga le stime iniziali.

    In alcuni casi, le cifre finali sono così alte che anche i miliardari devono rinunciare all’acquisto, come accadde per il Pink Star, tornato all’asta dopo che il primo compratore non era riuscito a saldare il prezzo stabilito.

    Con il Sunrise Ruby si è registrato il primato per la pietra preziosa più cara al mondo che non sia un diamante. La gemma è di una bellezza eccezionale e dal peso di 25,59 carati: oltre a questo è di un naturale colore rosso acceso che è tra i più rari in natura, cosa che ha fatto salire ulteriormente il costo finale.

    Il rubino birmano proveniva dalla collezione privata di gioielli Cartier.

    Abbiamo segnato un nuovo record per un rubino. In oltre 40 anni, non ricordo di aver mai visto un altro rubino birmano di queste dimensioni eccezionali di tale colore“, ha commentato con grande soddisfazione David Bennett, presidente della divisione gioielleria internazionale di Sotheby che ha condotto l’asta. La battaglia tra i due contendenti è stata seguitissima da tutta la platea e, quando è calato il martelletto, è scoppiato l’applauso dei presenti.

    Ovviamente, non si conosce il nome dell’acquirente, ma nel corso della serata sono stati venduti altri splendidi pezzi, come un diamante rosa che si ritenga faccia parte della collezione di Mathilde Bonaparte, battuto per 15,94 milioni di dollari. Altro primato è quello registrato con la vendita di una collana di perle naturali, composta da due file per un totale di 78 pietre: in totale, fa sapere la casa d’asta, sono stati venduti 453 degli 484 pezzi presentati.

    466

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AsteGioielliSotheby's Ultimo aggiornamento: Mercoledì 13/05/2015 21:50
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI