L’abito da cocktail si veste di diamanti [VIDEO]

L’abito da cocktail si veste di diamanti [VIDEO]
  • Commenta
  • Condividi
  • Email
  • Stampa

abito diamanti tov

Se cercate un abito da cocktail che non passi inosservato dovete volare a New York. Qui infatti è stato presentato One-Of-A-Kind Diamond Dress, abito da cocktail al mondo grazie alla combinazione di moda e diamanti, progettato da Chloe&Reese per Tov International, nome tra i più noti per la lavorazione e commercializzazioni di diamanti. L’occasione è stato l’American Gem Society’s Conclave Fashion Show 2012, tenutosi nella Grande Mela dove è stato presentata l’ultima creazione: il corpetto dell’abito è tempestato da cento diamanti rotondi da 3 carati certificati come eccellenti da AGS e GIA. Il tutto per un costo di 15 milioni di dollari.

La moda ha incontrato spesso il mondo della gioielleria grazie a creazioni opulente dove le pietre preziose vanno ad arricchire le creazioni degli stilisti.

Spesso si tratta di vestiti “speciali”, da riservare alle grandi occasioni, ma alcune maison si sono distinte nella realizzazioni di “gioielli da indossare”.

Basti pensare a Victoria’s Secret e alle sue creazioni più lussuose come il modello indossato lo scorso anno dalla bellissima Selita Ebanks con diamanti, rubini, zaffiri gialli e smeraldi.

Quello che però rende davvero unico l’abito da cocktail da 15 milioni di dollari è la scelta delle pietre.

Ogni diamante è tra i più puri e perfetti e da solo basterebbe a rendere prezioso il modello disegnato da Chloe&Reese: per la parte superiore del vestito ne sono stati usati ben cento di cui 85 sul corpetto, quattro per ogni manica e sette che decorano la schiena.

L’idea dell’abito è stata messa a punto dal proprietario della Tov International Rony Majer. “Volevamo fare qualcosa che non si era mai fatto prima. Abbiamo pensato quindi a un vestito come la vetrina perfetta della straordinaria collezione di diamanti rotondi da 3 carati: un approccio in stile con il 21° secolo“, ha spiegato Majer. Visto il risultato possiamo dire che l’intuizione è stata giusta.

367

Condividi questo articolo con i tuoi amici di Facebook

Gio 03/05/2012 da

Commenta

Ricorda i miei dati

I commenti possono essere soggetti a moderazione prima della pubblicazione, pertanto potreste non vederli direttamente online non appena li inviate. Se ritenuti idonei, verranno comunque pubblicati entro breve.

Pubblica commento