L’Editoria di lusso incontra la crisi

L’Editoria di lusso incontra la crisi

Anche l’editoria che vende il lusso attraversa un periodo di forte crisi, a confermalo è la situazione del gruppo editoriale Condè Nast che eduta alcuna delle più celebri riviste di moda e lifestyle

da in Beni di Lusso, Curiosità, Libri, Lifestyle, Primo Piano
Ultimo aggiornamento:

    La crisi non fa sconti a nessuno, neppure alle testate più glamour, anche l’editoria è caduta nel mirino della recessione. E’ toccato anche al gruppo editoriale Condè Nast, leader mondiale nell’editoria superpatinata.

    Le riviste vendono il lusso con l’acqua alla gola, questa è la situazione delle maggior riviste che trattano di moda e lifestyle, non a caso per tutta l’estate tali magazine sono stati venduti a prezzi eccezionalmente competitivi.

    Secondo un rapporto stilato dai revisori dei conti della McKinsey, per far quadrare i conti sarebbe necessario una drastica riduzione delle note spese, almeno il 25%, a cui vanno ad aggiungersi anche alcuni inevitabili licenziamenti. Questo significa che grandi testate di successo come Vogue, Glamour e Vanity Fair, si vedranno costrette a stringere la cinghia e a fare i conti al centesimo.

    Non sarà però affatto facile ridurre le spese di alcuni di questi direttori, Anna Wintour al timone di “Vogue” o Graydon Carter di “Vanity Fair”, che difficilmente licenzieranno il loro autista, ma le cose in un modo o nell’altro dovranno assolutamente cambiare.

    Dovrà cambiare anche la cultura dei rimborsi a ruota libera, e ancora meno contratti con fotografi famosi, ottimizzazione dei tempi, quindi niente più servizi di moda che durano giorni, e purtroppo anche qualche licenziamento.

    252

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Beni di LussoCuriositàLibriLifestylePrimo Piano
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI