L’ultima Bandiera di Custer sarà all’asta per 5 milioni di dollari

L’ultima Bandiera di Custer sarà all’asta per 5 milioni di dollari
  • Commenta
  • Condividi
  • Email
  • Stampa

bandiera custer

Tutto accadde un 25 giugno di 134 anni fa: il Settimo Cavalleggeri comandato da George Armstrong Custer combatté e fu sopraffatto dalla schiacciante superiorità dei guerrieri appartenenti ai Lakota Sioux e ai Northern Cheyenne, a Little Big Horn. Non ci furono sopravvissuti fra quelli che combatterono sotto il comando di Custer e solo pochissimi oggetti appartenuti ai suoi soldati sono arrivati fino a noi. Uno di questi è un portastendardo da cavalleria, con una bandiera a coda di rondine, che era nascosta sotto uno dei corpi dei soldati morti, che fu scoperto dal Sergente Ferdinand Culbertson, assegnato alla compagnia che si doveva occupare di seppellire i cadaveri. Oggi apprendiamo che Sotheby’s New York, venderà questa bandiera ad ottobre, in una vendita dal titolo: “Ottobre 2010: l’Ultima Bandiera di Custer: lo Stendardo di Culbertson dalla Battaglia di Little Bighorn”.

Dal 1895, la delicate bandiera di seta è stata conservata al Detroit Institute of Arts. In origine era stata data da Culbertson a Charles e Rose Fowler di Detroit approssimativamente nel 1880 e fu comprata da Rose Fowler Reidel grazie a un contributo pubblico nel 1895. La bandiera è stata stimata tra i 2 e I 5 milioni di dollari, ed i guadagni derivanti dall’asta saranno impiegati dal museo per futuri acquisti di pezzi. Lo stendardo sarà svelato al pubblico a Settembre.

Questa immortale bandiera da battaglia rappresenta lo spirito, il coraggio e la tragicità di uno dei moment più drammatici nella Storia Americana” ha commentato David Redden, Vice Presidente di Sotheby’s. “Logorato dalla battaglia e lacerato da un proiettile, lo stendardo di Culbertson rievoca la ferocia di quella terribile battaglia.”

“Il Detroit Institute of Arts è stato il custode di questa bandiera per 115 anni,” ha detto Graham W. J. Beal, direttore del DIA. “Nel 1895, la bandiera era esposta assieme ad altri pezzi simili, ma oggi, pur rimanendo senza dubbio un importante tesoro storico, non può essere più ritenuto un pezzo artistico.

E’ per questo che per noi ha senso venderlo, a beneficio del resto della collezione.” Secondo un articolo di Detroit News, il Museo non ha ancora rivelato quail oggetti comprerà in alternativa. La speranza è che la bandiera riuscirà a trovare posto nelle collezioni di altri musei.

foto tratta da luxist.com

443

Condividi questo articolo con i tuoi amici di Facebook

Sab 26/06/2010 da in

Commenta

Ricorda i miei dati

I commenti possono essere soggetti a moderazione prima della pubblicazione, pertanto potreste non vederli direttamente online non appena li inviate. Se ritenuti idonei, verranno comunque pubblicati entro breve.

Pubblica commento