La tradizione del caffè rivive sul Lago di Como con GIMOKA

La Casa del Caffè dei coniugi Padelli sul Lago di Como è diventata la ditta Gimoka, una vera istituzione nel campo della torrefazione

da , il

    caffe tradizionale

    Tutti gli Italiani sanno che il nostro caffè ha una storia antica: giunto nella nostra penisola nel 1570 grazie alla posizione favorevole di Venezia, questa bevanda divenne ben presto una moda, che vide nascere apposite botteghe nelle quali consumarla. Si svilupparono così i noti e prestigiosi caffè storici e letterari, nei quali il momento del caffè faceva da sfondo a incontri culturali, politici e, perché no, anche ludici.

    Negli anni una piccola torrefazione e un punto di degustazione nacque anche a Lecco, sul Lago di Como: spinti dall’entusiasmo e dalla passione, Pierina e Giuseppe Padelli fondarono qui “La Casa del Caffé”, ancora oggi un’opportunità unica per i turisti che si trovano a soggiornare sul Lago di Como per gustare le più diverse miscele di caffè appena tostato, ammirando lo splendido panorama di uno dei più famosi laghi europei.

    Da questo piccolo caffè Ivan Padelli, figlio della coppia, sentì il bisogno di ingrandire l’attività di famiglia, fondando nel 1982 la GIMOKA con sede a Lecco; in seguito a una crescita dell’organico e al successo commerciale, l’azienda venne trasferita ad Andalo Valtellino (SO), paese di origine del titolare, dove beneficia di una struttura più ampia.

    Per la produzione delle proprie miscele e per dare un gusto più raffinato al proprio caffè, GIMOKA si avvale di esperti formatisi nelle Università del caffè più prestigiose. Il processo di torrefazione di cui si avvale l’azienda conferisce al caffè un aroma più intenso e corposo, enfatizzando il gusto deciso delle miscele a base di robusta ed esaltando la delicatezza delle arabiche più pregiate.

    Con la diffusione del caffè può sembrare che questa bevanda sia diventata effettivamente alla portata di tutti. E’ qui che diventa necessario operare una distinzione tra i diversi caffè. Lo scrittore e gastronomo Pellegrino Artusi ha sempre sottolineato come da una corretta tostatura artigianale dei chicchi di caffè dipendesse la buona riuscita della bevanda. Inoltre, così come diverse qualità di carne fanno il brodo migliore, così da diverse qualità di caffè tostate separatamente si ottiene un aroma più grato.

    Fondamentale è anche la conservazione del caffè, motivo per il quale Artusi consigliava di tostarne poco per volta, macinando solo quello che necessita al momento, perché tende a perdere facilmente il suo profumo. Queste ed altre accortezze sono ben note a Ivan Padelli e alla sua azienda, che le mettono in pratica ogni giorno per garantire un’ottima miscela per un caffè italiano tradizionale davvero speciale.

    speciale myluxury

    Speciale Vini Pregiati