LVMH, in crisi ma la pelletteria resiste

La crisi continua a colpire il lusso, e pagarne le spese sono spesso i grossi brand che abbracciano diverse tipologie di beni di lusso, come ad esempio il gruppo LMVH che ha registrato cali delle vendite in ogni settore tranne sulla pelletteria

da , il

    Crisi, si sperava durasse meno, ma come dicevo uno studio ha confermato che la recessione sarà ancor più lunga del previsto. A confermarlo uno studio sul mercato dei beni di lusso che al momento non riserva alcuna speranza per una ripresa a breve termine.

    La crisi colpisce il settore dei beni di lusso molto duramente, e in particolar modo a registrare dei cali notevoli sono i brand di alta orologeria e gioielleria. “Luxury Goods Worldwide Market” è uno studio economico dal quale emergono amare verità, analisi secondo cui soltanto in questi primi mesi del 2009 il settore ha registrato un calo che si aggira intorno al 20%, e non è poco, visto che le previsioni prospettano una situazione ben peggiore.

    Anche un grande gruppo come LVMH è stato colpito duramente dal lusso, soltanto nel primo trimestre 2009 il gruppo di Louis Vuitton ha infatti registrato un calo delle venite di vini e alcol del 22%, vi ricordo infatti che il gruppo possiede il Dom Perignon, e ancora una perdita del 41% si registra nella vendita di orologi e gioielli. In rialzo anche se di poco, il 4%, invece la vendita di borse e accessori.

    speciale myluxury

    Speciale Vini Pregiati