Moda, 27 mila posti in meno entro la fine dell’anno

Grande crisi per il Sistema Moda che entro la fine dell’anno perderà almeno 27

da , il

    Ancora crisi nel settore del lusso e a sprofondare nel mirino della recessione è soprattutto la moda. “ Entro la fine dell’anno prevediamo una riduzione di 26-27 mila occupati su un totale di 508 mila nel settore, gli effetti più pesanti della crisi sul lavoro li vedremo nei prossimi mesi”, questo è quanto accadrà secondo Michele Tronconi, presidente del Sistema Moda Italia.

    Ma le cose potrebbero andare diversamente se “si considera tutta la filiera del settore, industriale e artigiano, con cuoio, calzature e occhiali: in questo caso i posti di lavoro a rischio sono circa 80mila su un’occupazione totale di 785.000 addetti” come spiega Valeria Fedeli, leader della Filtea-Cgil.

    La situazione sembrava leggermente migliorata, si erano perfino visti, anche se minimi, sei segnali di ripresa, ma evidentemente per salvare la moda ci vorrà molto più ingegno e impegno. “Questa crisi ci ha colpito mentre era in corso un processo di ristrutturazione di molte imprese del tessile-abbigliamento. Sono stati fatti investimenti per aumentare l’export, aprire nuovi negozi e magazzini e si sperava di poter velocemente recuperare gli investimenti fatti. La crisi, nata in America da un cortocircuito finanziario, è arrivata da noi in un momento delicato. Il nostro settore esporta il 50% di quello che produce, ma con un calo del 30% della domanda straniera c’è poco da stare allegri”, dice Tronconi.

    La situazione è molto critica anche perché molte imprese hanno grossi problemi finanziari. Bisognerebbe che il Governo stesso intervenisse per prendere provvedimenti in merito, partendo ad esempio dalla detassazione dei salari e con sostegni ai consumi.

    speciale myluxury

    Speciale Vini Pregiati