Moda, evasione fiscale per il patron di Max Mara

Moda, evasione fiscale per il patron di Max Mara

E’ stata rinviata al prossimo autunno l’udienza di Maramotti, patron del marchio Max Mar, accusato di evasione fiscale per 10 milioni di euro

da in Curiosità, Luxury Brand, Moda
Ultimo aggiornamento:

    Max Mara primavera/estate 2010

    Mentre il marchio Max Mara si preparava ad aprire un nuovo punto vendita a Parigi, Luigi Maramotti, patron del marchio ,veniva coinvolto in alcune inchieste giudiziarie a causa di evasione fiscale. In compenso, nonostante i guai giudiziari nel quale probabilmente verrà coinvolto anche il marchio, a Parigi ieri è stato un gran successo per la riapertura del megastore di avenue Montaigne, ampliato e rinnovato con un nuovo ed esclusivo concept curato dallo studio Duccio Grassi Architects.

    Sono tempi difficili per tutti, ma l’evasione fiscale non è un buon modo per risolvere le situazioni difficili, specialmente quando si tratta di un grosso giro di denaro per il quale si rischia di rimetterci più del previsto. Maramotti comparirà in tribunale per chiarire la questione il 7 ottobre, accusato di aver evaso il fisco per 10 milioni di euro in arco di tempo che va dal 2004 al 2007. Coinvolta nelle indagini una società con sede legale in Svizzera, la International fashion trading, che a quanto pare si occupa di commercializzare il marchio ne paesi dell’estremo oriente.

    Forse Maramotti dovrà ritenersi fortunato se le indagini non sono andate oltre il 2004, chissà cosa potrebbe saltare fuori.

    Ma noi non vogliamo certo accusare nessuno, la questione sarà certamente chiarita in tribunale il prossimo autunno.

    246

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN CuriositàLuxury BrandModa
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI