Speciale Natale

Moda: Gattinoni e le sue dive in mostra a Parigi

Moda: Gattinoni e le sue dive in mostra a Parigi

Gattinoni in ostra a Parigi: l'esposzione è realizzata grazie all'archivio storico dell'Atelier Gattinoni e descrive il rapporto tra Fernanda Gattinoni e alcune tra le migliori attrici degli anni d'oro della Hollywood sul Tevere della Dolce Vita

da in Città, In Evidenza, Moda, Mostre, Parigi, hollywood, Roma
Ultimo aggiornamento:

    audrey hepburn guerra e pace

    La “Fernanda Gattinoni. Moda e stelle ai tempi della Hollywood sul Tevere“, è questo il titolo della mostra che l’Istituto Italiano di Cultura ha inaugurato a Parigi. Mentre in Italia ha aperto i battenti Pitti Immagine Uomo a Firenze, a Parigi un’importante rassegna ripercorre le tappe couture di una delle sarte più famose e apprezzate dalle dive che hanno lavorato nella capitale. L’esposizione, curata da Sofia Gnoli, è stata realizzata grazie all’archivio storico dell’Atelier Gattinoni e descrive il rapporto tra Fernanda Gattinoni e alcune tra le migliori attrici degli anni d’oro della Hollywood sul Tevere della Dolce Vita.

    Negli anni ’40, l’Atelier Gattinoni divenne meta del jet set internazionale a Roma. Tra le clienti, oltre a first lady troviamo Evita Peron e Claire Boothe Luce. Tra le stelle del cinema Ingrid Bergman, Lucia Bosè, Bette Davis, Marlene Dietrich, Rossella Falk, Audrey Hepburn. E ancora, Gina Lollobrigida, Anna Magnani, Kim Novak, Lana Turner , Monica Vitti.

    Il percorso espositivo si apre con gli abiti del guardaroba privato e i costumi di scena di Europa 51 (1952) e Fiore di Cactus (1969) realizzati per Ingrid Bergman. Per poi passare a Lana Turner, affezionata a Fernanda Gattinoni fin dal 1953, quando arrivò a Roma per interpretare La fiamma e la carne (1954), film souvenir negli economici studi di Cinecittà.

    Non mancano alcuni esemplari della collezione Casanova (1958) appartenuti a Kim Novak, per arrivare alla micro-collezione di petite robe noire, provenienti dal guardaroba personale di Anna Magnani.

    Una sezione speciale sarà infine dedicata ad Audrey Hepburn e ai costumi che la maison nata su Tevere realizzò per lei nel ruolo di Natasha in Guerra e Pace (1956). Da allora anche la Hepburn, pur non interrompendo il suo sodalizio con Hubert Givenchy che la rese celebre in «Colazione da Tiffany» , si trasformò in una delle habitué di Madame Gattinoni.

    “Finalmente Parigi!, ha dichiarato il presidente della maison Gattinoni Stefano Dominella- Nei racconti di Fernanda Gattinoni la Ville Lumière è stata una delle esperienze più interessanti della sua carriera. Oggi, riportare lì gli abiti che che Fernanda creò per il cinema, è un atto dovuto”. La grande retrospettiva che vuole testimoniare la nascita del mito italiano, sinonimo di eccellenza e cultura riconosciuto in tutto il mondo, dopo Parigi verrà ospitata nel gennaio 2011 a Roma, e a maggio 2011 a Berlino.

    foto tratta da Lastampa.it

    482

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN CittàIn EvidenzaModaMostreParigihollywoodRoma

    Speciale Natale

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI