Record in vista per le aste di Picasso, Manet e Monet

Record in vista per le aste di Picasso, Manet e Monet

Picasso, Monet, Manet, Matisse, Klimt, Van Gogh: I pittori saranno protagonisti nei prossimi due giorni a Londra: a metterli in vendita le case Christie’s e Sotherby’s

da in Arte, Arte Contemporanea, Artisti, Aste, Città, Collezionismo, Londra, Primo Piano, Sotheby's, Monet, quadri, tele preziose
Ultimo aggiornamento:

    bevitore dassenzio Picasso

    Signore e signori reggetevi forte. I prossimi due giorni saranno da fibrillazione per il mondo dell’arte. Andranno infatti in asta dei capolavori di autori i cui nomi, già solo quelli, fanno tremare i polsi: Picasso, Monet, Manet, Matisse, Klimt, Van Gogh. I pittori saranno protagonisti nei prossimi due giorni a Londra: a metterli in vendita le case Christie’s e Sotheby’s. I pezzi più pregiati saranno: il Bevitore di assenzio di Picasso e le Ninfee di Monet (valutati tra 30 e 40 milioni di sterline), il magnifico autoritratto di Manet (valutato tra i 20 e i 30 milioni), il Frauenbildnis di Klimt (tra i 14 e 18 milioni) e le splendide Odalische di Matisse (tra 10-15 milioni).

    I collezionisti di tutto il mondo sono in fibrillazione e tutto sembra pronto per nuovi record, a dispetto della crisi. Ovviamente queste sono sole le punte di diamante di una enorme quantità di lotti che verranno venduti e dedicati all’impressionismo e all’arte moderna.

    Il “Bevitore di assenzio”, dipinto da Picasso nel 1903, in pieno Periodo Blu, è davvero un capolavoro assoluto ma nello stesso tempo una tela dalla storia travagliata, di vendite forzate e confische durante la dittatura di Hitler. Dal 1995 l’opera è in mano a Andrew Lloyd Webber, autore di musical come “Jesus Christ Superstar” e “Cats“.

    Molto attesa anche per le “Ninfee” di Monet, capolavoro del 1906, che fu esposto nella memorabile rassegna del 1909 dedicata all’ultimo ciclo del padre dell’impressionismo.

    Tra gli altri artisti contesi in asta ci sono Gustav Klimt con la sua “Frauenbildnis”, dipinto rubato nel ’41 alla famiglia Munk e Van Gogh che finirà sotto il martello con “Parc de l’hopital Saint-Paul” (1989) valutata tra gli 8 e i 12 milioni di sterline.

    Top-lot da Sotheby’s, martedì, è invece l’autoritratto di Manet (“Manet à la palette”), dipinto nel 1878-79, una vera rarità perché esistono solo due autoritratti del grande artista.

    foto tratta da Il sole24Ore.it

    409

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN ArteArte ContemporaneaArtistiAsteCittàCollezionismoLondraPrimo PianoSotheby'sMonetquadritele preziose
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI