Treviso, vendevano auto di lusso frodando il Fisco

Vendevano auto online ad un prezzo nettamente inferiore rispetto le auto concessionarie

da , il

    Succede a Treviso, in manette i tre trevigiani che vendevano auto di lusso sul web, una frode al Fisco pari a 24 milioni di Euro. Compravano automobili di lusso in Germania, Austria e Belgio e poi le rivendevano in Italia ad un prezzo inferiore.

    A gestire tutto una giovane donna di 27 anni che nell’arco di tre anni ha piazzato più di 300 automobili di lusso vendute su internet, tutto comodamente da casa, in realtà non esisteva alcuna concessionaria. E così i ricchi in crisi potevamo permettersi Bentley, Ferrari e Jaguar ad un prezzo molto inferiore rispetto quello preventivato in una reale concessionaria.

    Cominciando con BMW e Audi la giovane donna, che aveva imparato a gestire questo traffico in un’azienda in cui lavorava, si mette in proprio e allarga il suo giro d’affari mettendo in vendita auto di extralusso. Ma gli affari sono andati bene finché la Finanza non si è insospettita e aperto un inchiesta che si è conclusa con le manette anche per i complici che le facevano da prestanome.

    speciale myluxury

    Speciale Vini Pregiati