Vini francesi pregiati: i più famosi tra gli intenditori

Vini francesi pregiati: i più famosi tra gli intenditori

Tra i vini l'eccellenza, secondo molti esperti, spetta a quelli francesi

da in Champagne, Food & Drink, In Evidenza, Luxury Shop, Vini Pregiati, Francia
Ultimo aggiornamento:

    Quando si parla di vini l’eccellenza spetta a pochi paesi, tra cui l’Italia e la Francia con i suoi Champagne e Bordeaux. Benchè siano molti i paesi emergenti in questo settore, dal Sudafrica alla Nuova Zelanda, nazioni che si stanno affacciando a livello internazionale nel campo, per quasi tutti gli esperti i vini prodotti nelle valli e sulle colline francesi restano senza dubbio i migliori. Ecco quindi un piccolo elenco dei migliori vini francesi nel mondo.


    Chateau Lafite Rothschild
    Secondo gli esperti questo è il pregiato Bordeaux, famoso in tutto il mondo e anche tra i più costosi. Risalente al 1670, grazie alle sue caratteristiche ha avuto l’appellativo di le vin du Roi, il vino del Re. Il prossimo 19 marzo, durante un’asta che si terrà a Chicago alla Hart Davies Hart Wine Co. saranno battute 257 bottiglie di questo pregiatissimo vino il cui prezzo è stato stimato tra i 1.015.200 dollari e i 1.507.800 dollari.

    vin jaune
    Un altro pregiatissimo vino, anch’esso battuto all’asta, è stato il Vin Jaune, venduto per 57.000 euro durante l’Asta del vino giallo che si è tenuta ad Arbois a fine gennaio. Questo unico vino bianco, proveniente dalla regione di Giura risale al 1774, è stato imbottigliato in occasione dell’incoronazione di Luigi XVI; un vero e proprio pezzo di storia francese che ha resistito alla Rivoluzione Francese, a due imperi, cinque repubbliche e ha superato indenne due guerre mondiali. Soprannominato il vino dei re e il re dei vini questa bottiglia è stata comprata per 57.000 euro.

    FinlandAncientChampagne101117 300x300
    Parlando invece di champagne la Moet & Chandon è tra i marchi francesi di maggior pregio e più antichi. Nel 2010 è stata fatta un’eccezionale scoperta da parte di alcuni subacquei che hanno recuperato all’interno di un relitto in fondo al mare alcune casse di Veuve Clicquot risalente al 1780. Considerate “ancora bevibili” sulle gabbie che proteggono il tappo è presente il disegno di un’ancora, un antico stemma che l’azienda utilizzava all’epoca. Secondo alcuni storici queste bottiglie facevano parte di un carico partito dalla Francia e diretto in Russia, dono di Luigi XVI allo Zar Pietro il Grande. Vendute all’asta avrebbero un prezzo di partenza di 50 mila euro a bottiglia.

    523

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN ChampagneFood & DrinkIn EvidenzaLuxury ShopVini PregiatiFrancia Ultimo aggiornamento: Giovedì 14/07/2016 07:03
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI