Vinitaly 2010: successo per l’edizione della ripresa

Successo per l'edizione del 2010 che apre con numeri incoraggianti sia in termini di visite che di vendite e investimenti

da , il

    Sarà un’edizione storica quella del Vinitaly 2010. Il più importante Salone Internazionale del vino e dei distillati si apre nel segno della ripresa per l’intero settore. 92.000 metri quadrati per circa 4.200 espositori provenienti da tutto il mondo. Successo anche di pubblico: per la prima giornata di fiera erano circa 10.500 le auto parcheggiate per circa 17.000 posti disponibili. Oltre ai numeri, sarà un’edizione da ricordare anche perchè è la prima volta che le istituzioni politiche inaugurano il Salone. E’ stato, infatti, il neo Presidente della regione Veneto Luca Zaia a tagliare il nastro di inizio della manifestazione che rende Verona capitale delle bollicine fino al 12 aprile.

    Un segnale di ripresa, insomma, per tutto il settore come confermano i dati Istat e la Coldiretti per i quali c’è stato un boom di enologi con una crescita occupazionale del 50%. Un dato in controtendenza sul fronte occupazionale rispetto gli altri settori. La crisi sembra non colpire il comparto vitivinicolo neanche per quanto riguarda le vendite: gli italiani hanno speso per la loro cantina circa 1 milione e 200 mila euro nell’ultimo anno.

    Ma tornando al vivo della fiera, riceve il Gran Vinitaly 2010 come migliore azienda italiana e mondiale la Casa vinicola Zonin con i suoi 50 anni di esperienza e tradizione e un vigneto esteso per 2000 ettari nella provincia di Vicenza e un presidio in Virginia, negli Stati Uniti.

    Oltre alle regioni ad alto tasso, come il Piemonte presente con oltre 600 espositori o la Toscana con i suoi circa 800 rappresentanti, anche le bottiglie laziali affermano la propria qualità al Vinitaly grazie a cantine di successo come Castel De Paolis, Falesco, Fontana Candida, Marcella Giuliani e Casale del Giglio, premiata con il riconoscimento Vinitaly Regione 2010.

    Non mancano eventi e curiosità. Vi avevo già parlato della Botte da guinnes ma ancora non vi ho detto della bottiglia di grappa più grande del mondo: 2 m d’altezza per 30 cm di larghezza e 120 litri di capacità, realizzata dalla Distilleria Bottega di Bibano di Godega Sant’Urbano. Ma c’è anche il vino prodotto nella regione di Betlemme.

    speciale myluxury

    Speciale Vini Pregiati