Vino e cioccolato: gli abbinamenti per la degustazione perfetta

da , il

    Vino e cioccolato: gli abbinamenti per la degustazione perfetta

    Chi conosce i sacri crismi dei sommelier e degli enologi sa che l’abbinamento di un vino con il cioccolato è un argomento particolarmente delicato da trattare. Per molto tempo, gli esperti hanno addirittura sostenuto che vino e cioccolato non vanno d’accordo e che non si possono abbinare insieme. Secondo loro, il gusto intenso e amaro del cioccolato alterava quello del vino e andava abbinato solo con acqua minerale frizzante fredda. Oggi per fortuna non si è più di questa opinione, anche se le cose cambiano secondo il tipo di cioccolato che si ha davanti.

    Tanti dessert al cioccolato, tanti vini.

    Un dessert al cioccolato, torta, budino, mousse, pasticcino o altro, può avere mille sfumature di gusto e intensità e quindi tante variabili sul tema del bere. Il piacere del cioccolato è composto da un ampio ventaglio di sensazioni, anche sul piano olfattivo. Le sfumature degli aromi, la consistenza, la persistenza, la dolcezza, l’amarezza, la grassezza del cioccolato possono essere sempre diverse. E sono caratteristiche impossibili da vagliare ogni volta che si mette in tavola una qualunque ricetta al cioccolato, a meno di essere un raffinato intenditore.

    Fra le varie dissertazioni, ho imparato una cosa fondamentale: di base, più un dolce ha un’alta intensità di cacao, più ci vuole un vino strutturato e dolce, che non vada in contrasto con lo zucchero del cioccolato, altrimenti risulterebbe acido al palato. Quindi, mai e poi mai abbinare al cioccolato dei vini secchi o spumanti brut.

    La prima regola è servire quello che vi pare.

    Il vino da abbinare deve essere all’altezza della complessa struttura dell’aroma e del gusto del cioccolato, altrimenti il gusto del vino va in secondo piano e non esprime in pieno il suo carattere. Detto questo, seguire il nostro gusto personale e versare nel bicchiere quello che ci sembra adatto all’occasione è già un modo per risolvere la questione senza imbarazzi. Ma se, come l’altra sera dai nostri amici, a tavola c’è qualcuno che ne sa un po’ di più, eccovi un breve prontuario di consigli all’uopo.

    Sì, ma su cosa orientarsi?

    I vini più adatti all’abbinamento con i dolci al cioccolato si possono dividere in tre diverse categorie.

    La prima categoria è quella dei vini passiti come il francese Sauternes o il Vin Santo, il Passito di Pantelleria, l’Aleatico. Alla seconda categoria appartengono i vini liquorosi come il Porto o il Marsala. La terza categoria è costituita dai vini aromatizzati, a cui cioè sono stati aggiunti aromi come il Vermut e il Barolo Chinato. Un discorso a parte, ma sempre adatto all’abbinamento col cioccolato, è costituito da cognac, rum invecchiati e whisky torbati.

    Qualche suggerimento per i dessert più comuni.

    Facciamo ora qualche esempio di abbinamento con i dessert al cioccolato più conosciuti, per andare sul sicuro almeno in questi casi.

    Dolci al cioccolato dal sapore pieno e a base di cioccolato fondente come ad esempio una Sacher, esigono un vino come il Passito di Pantelleria o un vino liquoroso di grande corpo, persistente, come un Marsala Superiore o un Porto Tawny.

    Con una tortina spumosa e bassa al cioccolato, tipo brownie o cupcake, va servito un Aleatico, vino rosso non liquoroso che proviene da uve passite.

    Con i morbidi dolci al cucchiaio, che avvolgono il palato con intense sensazioni vellutate, come una crema al latte o fondente, un budino o una mattonella al gianduia, l’ideale sarebbe un Malvasia o un Moscato.

    Con una mousse al cioccolato oppure una torta soffice farcita al cacao, un vino come l’Alghero Rosso liquoroso può essere un valore aggiunto.

    Praline e cioccolato con un’alta percentuale di cacao non sono semplici da abbinare con un vino, soprattutto se parliamo di cioccolato fondente. Si possono accompagnare a qualcosa di più forte e alcolico: provate con un distillato morbido come il Calvados o un Carlos I, oppure con liquori all’arancia come Cointreau o Grand Marnier. Oppure con un rum invecchiato o un whisky.

    Una tavoletta di cioccolato fondente ad alta percentuale di cacao trova anche un ottimo contrasto dolce-amaro in abbinamento con del Barolo Chinato.

    Con il Barolo Chinato, sta bene anche la classica torta pere e cioccolato o torte al cioccolato più casalinghe. Con i dessert a base di cioccolato bianco, che sono più dolci e gentili, vanno bene un Moscato o un Recioto di Soave, che avvolgono morbidamente e delicatamente il palato.

    Un dibattito senza fine.

    speciale myluxury

    Speciale Vini Pregiati