W l’Amore: la cena di gala che celebra il sentimento più nobile a cura di Cira Lombardo

Gli incantevoli allestimenti di Cira Lombardo, wedding planner tra le più influenti in Italia, hanno reso unica la cornice dell'evento W L'Amore Gala, tenutosi a Paestum lo scorso 18 novembre. Una serata all'insegna del bello e del lusso a tema wedding che ha inneggiato all'amore in tutte le sue infinite sfaccettature. Ecco l'esperienza della redazione di MyLuxury.

da , il

    W L’Amore è la cena di gala di Cira Lombardo, una delle wedding planner più quotate in Italia, che celebra il sentimento più nobile di tutti. Specializzata nell’organizzazione di matrimoni da fiaba, Cira Lombardo ha radunato per l’occasione decine di professionisti campani – proprio come lei – con lo scopo di dare vita a un evento irripetibile, che inneggiasse all’eccellenza e facesse sognare. Tante le sorprese che hanno stupito e strabiliato gli ospiti nel corso di questo viaggio sensoriale ed emozionale unico, dagli allestimenti floreali da record che sono stati una gioia per gli occhi ai piatti di chef stellati che hanno coccolato il palato.

    Sogno ed emozione. Sono queste le due parole che condensano l’essenza del gala W L’Amore, evento che ha concluso la prima edizione del Corso avanzato per Event Creator promosso dall’Accademia del wedding e diretto da Cira Lombardo, che noi di MyLuxury abbiamo intervistato qui. Lo scorso 18 novembre, a pochi passi dai templi di Paestum, l’incantevole Savoy Beach Hotel – di proprietà dell’imprenditore cilentano Salvatore Pagano – ha fatto da cornice a un evento finalizzato prima di tutto a celebrare il sentimento più nobile di tutti, quello senza cui nessuno di noi potrebbe vivere: l’amore.

    Un evento che è quasi parso una fiaba, perché secondo Cira Lombardo le spose di oggi hanno ancora bisogno di sognare: “Anche alle spose moderne piace sognare, non a caso, per la nostra cena di gala W L’Amore abbiamo scelto di ricreare un mondo incantato, fiabesco, sul tema delle quattro stagioni. La sensazione di entrare in un altro mondo ha assecondato la tendenza degli sposi di ogni epoca di vivere la loro favola, non solo nel giorno delle nozze, ma anche per tutti quelli a venire“, ha commentato la wedding planner.

    Attraverso un simbolo dal significato forte e poliedrico come l’albero della vita, Cira Lombardo ha omaggiato il legame con la propria terra e le proprie radici, ma anche la passione per il proprio lavoro, frutto di impegno e di condivisione, di esperienza e conoscenza. A partire da questo concetto, il tema scelto per la realizzazione dell’evento è stato quello delle quattro stagioni, sviluppato in forma di viaggio sensoriale alla scoperta delle tante eccellenze del territorio coinvolte nell’organizzazione.

    inverno di cira lombardo
    L’Inverno romantico di Cira Lombardo

    Dall’Autunno dai toni caldi che ha accolto gli ospiti dopo il red carpet di ingresso all’Inverno cullato da un romantico valzer, tutto è stato di preparazione al tripudio di colori e di fiori della sala allestita per la cena, in nome della Primavera e dell’Estate.

    Uno dei tavoli allestiti da Cira Lombardo
    Gli allestimenti floreali di Cira Lombardo a tema Primavera

    Erano 18 i tavoli allestiti che hanno fatto sfoggio di mise en place e menù realizzati da Luana Caira, di Eyder Design, arricchiti da speciali cadeaux offerti agli invitati da Emò Italia e Papa cioccolato & confetti. Opulente le decorazioni floreali, per le quali sono stati utilizzati 42.000 rose inglesi, 4.000 dalie bianche, rosa e gialle, 10.000 ranuncoli rosa e fuxia, 12.000 rose equador, 10.000 ortensie hydrangea, 9.000 steli di astilbe e 17.000 rami di wax flowers: una vera e propria esplosione di bellezza.

    Sono stati otto i prestigiosi flower designer impegnati con Cira Lombardo nella realizzazione di questi sontuosi allestimenti: Giuseppe Picca, Salvatore Borriello, Espedito Rusciano, Michele Marra, Claudia De Luca, Carmine Ammaturo, Pietro Russo e Massimo Iodice. Il menù, invece, è stato studiato e realizzato con materie prime autoctone dall’ Executive Chef del ristorante Tre Olivi, Matteo Sangiovanni, con il contributo degli chef da 1 stella Michelin, Paolo Barrale, del Ristorante Marennà, e Michele Deleo, del Palazzo Avino. Il tutto è stato accompagnato dagli ottimi vini dell’Azienda Agricola San Salvatore.

    Uno dei piatti degli chef stellati
    Uno dei gustosi piatti di chef stellati gustati all’evento

    Il Gala W L’Amore è stato organizzato anche con un fine solidale: parte del ricavato raccolto è stato devoluto in beneficenza a favore della Onlus ALTS di Napoli e dell’Associazione Vita 21, che si occupano di informare e sensibilizzare rispettivamente sul tema della lotta al tumore al seno e sulla sindrome di down. Perché l’amore più bello e puro è quello disinteressato per gli altri.

    speciale myluxury

    Speciale Vini Pregiati