Chef stellati italiani con tre stelle: chi sono?

Uno dei massimi riconoscimenti per uno chef è quello di vedersi aggiudicare una o più stelle dalla guida Michelin. In Italia gli chef che possono vantare di avere addirittura tre stelle Michelin sono solo nove, professionisti d'eccellenza del loro settore, riconosciuti a livello internazionale grazie proprio alle stelle conquistate. Conosciamoli tutti.

da , il

    Chi sono gli chef con tre stelle nella Guida Michelin 2018

    La Guida Michelin 2018 rappresenta il meglio della ristorazione italiana, ma chi sono gli chef stellati italiani con tre stelle che se le sono guadagnate? Coloro che possono fregiarsi di ben 3 stelle Michelin sono in 9 quest’anno, 8 confermati dal 2017 più una interessantissima new entry della provincia di Bolzano, che vi sveleremo per la fine di questa fotogallery. Come sempre, gli chef vengono dalle scuole più disparate ed hanno stili molto peculiari, condizione che, inevitabilmente, li ha portati ad essere nell’Olimpo dei migliori facendosi distinguere e notare agli occhi dei critici della Guida Michelin. Ma scopriamo assieme a chi sono i migliori chef italiani che hanno conquistato tre stelle Michelin per il 2018.

    Niko Romito del ristorante Reale

    Niko Romito

    Dal 2000 Niko Romito gestisce il ristorante Reale di Castel di Sangro insieme alla sorella Cristiana. Autodidatta, ha conquistato tre stelle Michelin nel 2014, a cui sono seguiti altri importanti riconoscimenti in tutto il mondo, come il posto nella classifica The World’s 50 Best Restaurants 2016 e il “Piatto dell’Anno” guadagnando 5 Cappelli nella guida dell’Espresso 2017. Ad oggi, segue anche altri progetti a tema, ovvero la Niko Romito Formazione e gli spin off di Spazio a Milano, Roma e Napoli.

    Leggi qui tutte le curiosità su Niko Romito e sul suo ristorante Reale.

    Massimo Bottura dell’Osteria Francescana

    Massimo Bottura

    Oltre alle tre stelle Michelin, Massimo Bottura dell’Osteria Francescana ha conquistato anche il premio come “Miglior ristorante al mondo” nella classifica The World’s 50 Best Restaurants 2017. Sicuramente lo chef più apprezzato e famoso di tutta Italia, ha portato l’Osteria Francescana anche in vetta alla guida dell’Espresso con un punteggio di 20 su 20, mai attribuito a nessun altro.

    Enrico Crippa del ristorante Piazza Duomo

    Enrico Crippa

    Anche il ristorante Piazza Duomo è nella classifica dei The World’s 50 Best Restaurants 2017, e questo grazie alla cucina dello chef Enrico Crippa, che con la famiglia Ceretto ha dato il via a questo ambizioso progetto in quel di Alba. Crippa è stato apprendista del grande maestro Gualtiero Marchesi, il primo chef in Italia ad aver avuto tre stelle nel lontano 1986.

    I fratelli Cerea del ristorante Da Vittorio

    I fratelli Cerea

    Da Vittorio è il ristorante di Brusaporto portato avanti dalla famiglia Cerea, dove Enrico e Roberto lavorano come chef. Da 50 anni propone i piatti della tradizione e quelli a base di pesce e crostacei utilizzando il pescato rigorosamente del giorno che arriva all’alba. Il ristorante ha aperto nel 1966 dal papà degli attuali chef (il Vittorio di cui porta il nome ndr) e ha guadagnato la sua prima stella nel 1978, ormai quarant’anni fa.

    Heinz Beck del ristorante La Pergola

    Heinz Beck

    Il ristorante La Pergola dell’hotel Rome Cavalieri Hilton è ancora oggi l’unico tre stelle della Capitale grazie allo chef Heinz Beck, che comanda la cucina dal 1994. Chef dell’anno 2014 alla decima edizione di Identità Golose e Leone di Venezia alla carriera, è stato anche l’unico chef in Italia ad aver ottenuto il “Six Star Diamond Award”.

    I fratelli Alajmo del ristorante Le Calandre

    I fratelli Alajmo

    Insignito dalle tre stelle Michelin, Le Calandre a Rubano di Padova è un altro ristorante presente da anni nella classifica dei “The World’s 50 Best Restaurants”. Massimiliano e Raffaele Alajmo qui curano il menu, ma hanno anche dato vita al design del luogo, realizzando una location dove cibo e atmosfera sono ben amalgamati.

    Curiosità numero 1: Massimiliano, a soli 28 anni, è stato lo chef tristellato più giovane del mondo.

    Curiosità numero 2: il critico gastronomico più famoso di sempre, Andy Hayler, ha eletto il risotto con polvere di liquirizia de Le Calandre il suo piatto preferito.

    Annie Féolde dell’Enoteca Pinchiorri

    Annie Féolde

    Annie Féolde dell’Enoteca Pinchiorri a Firenze è una delle due donne ad essere stata insignita delle tre stelle Michelin in Italia. Diretta insieme al marito Giorgio Pinchiorri, l’Enoteca Pinchiorri vanta anche una delle cinque cantine più ricche del mondo e si avvale della preziosa collaborazione di Riccardo Monco e Luca Lacalamita.

    Leggi qui tutte le curiosità sull’Enoteca Pinchiorri.

    Nadia Santini del ristorante Dal Pescatore

    Nadia Santini

    Il Dal Pescatore è uno dei ristoranti italiani più famosi dove la famiglia Santini lavora per accogliere i suoi ospiti in un’atmosfera semplice ma curata. Nadia Santini e il suo primogenito Giovanni sono gli chef che riescono a dare vita a piatti eccelsi utilizzando i migliori prodotti della natura.

    Norbert Niederkofler del ristorante St.Hubertus

    chef-tre-stelle-michelin-2018-Niederkofler

    La new entry tristellata di quest’anno è lo chef altoatesino Norbert Niederkofler, che dopo anni di esperienza all’estero è tornato a casa per dirigere la cucina del ristorante St.Hubertus, all’interno dell’hotel Rosa Alpina di San Cassiano, un piccolo paesino di montagna incastonato fra le Dolomiti, in Alta Badia precisamente.