Rubati pezzi di ghiaccio millenario per fare dei cocktail: succede in Cile

02/02/2012

In Cile sono state sequestrate cinque tonnellate di ghiaccio millenario rubato dal Parco Nazionale Bernardo O'Higgins con un valore di circa 7mila dollari da usare per rendere preziosi i cocktail

Rubati pezzi di ghiaccio millenario per fare dei cocktail: succede in Cile

Come rendere un cocktail esclusivo? Usare ingredienti rari, a partire dal ghiaccio, come è successo in Cile dove la polizia di Aysen ha sequestrato un camion che trasportava cinque tonnellate di ghiaccio millenario proveniente dal Parco Nazionale Bernardo O’Higgins, a sud del Paese. La notizia a prima vista potrebbe far sorridere, ma i preziosi cubetti, spezzettati e divisi in sacchetti hanno un valore sul mercato: il carico sequestrato vale circa 3,5 milioni di pesos, circa 7mila dollari, prezzo che sul mercato può anche raddoppiare vista l’età millenaria.

Se il mondo dell’alta gastronomia è sempre alla ricerca di ingredienti preziosi anche il settore del beverage non è da meno. A rendere particolari i cocktail sono spesso i liquori più pregiati o magari dei bicchieri particolari, ma pochi pensano al ghiaccio.

Non è così invece in Cile e in tutto il Sud America dove i cubetti servono a rinfrescare tutti i cocktail della “tradizione” latina in particolare in questo momento d’estate dove scorrono a fiumi.

Da qui l’idea di renderli “preziosi” con del ghiaccio antichissimo, ma la scoperta ha suscitato un mare di polemiche, soprattutto da parte delle associazioni ambientaliste.

Ad accorgersi del furto è stato l’Ufficio Nazionale delle Foreste che ha denunciato alla polizia gravi danni al ghiacciaio fino alla scoperta.

Secondo il procuratore regionale di Aysen è la prima volta che viene fatta una tale scoperta, ma la cosa ha insospettito le autorità che ora hanno esteso i controlli anche a navi sospette, trovando già sei persone coinvolte in questo traffico di “ghiaccio” millenario.