Come riconoscere un diamante: i consigli utili

Come riconoscere un diamante vero da uno falso? Ecco la guida per capire la purezza di un diamante!

Pubblicato da Chiara Ricchiuti Martedì 24 agosto 2021

Come riconoscere un diamante: i consigli utili
Foto Pexels | Thorn Yang

Come riconoscere un diamante vero da un diamante grezzo? A occhio nudo non é facile capire la purezza di un diamante, ecco perché è fondamentale sapere come riconoscere un diamante vero. Il metodo più conosciuto è quello della prova su vetro: sfregando la pietra su un vetro, se si ottiene un graffio sul vetro e la pietra rimane intatta significa che è un diamante autentico.

Se invece è la pietra che si rovina, si tratta di uno zircone, perché un diamante non dovrebbe avere nessun graffio, essendo la pietra più dura esistente. Ma ci sono altri metodi altrettanto efficaci per distinguere un diamante naturale da uno sintetico, ecco come!

Come riconoscere un diamante vero da uno falso

Diamante su pietra nera
Foto Shutterstock | Byjeng

Il diamante è carbonio puro cristallizzato e per distinguere un diamante vero da uno falso gli esperti osservano il suo colore e la luminosità, cercando graffi o segni di usura con la lente e, come controllo finale, guardano il suo peso specifico, che è diverso per ogni minerale. Il diamante presenta effetti ottici eccezionalmente belli, tanto che è considerato il re delle gemme. Comunque, a differenza di quello che normalmente si è soliti pensare, un diamante non deve essere totalmente puro e totalmente bianco per essere bellissimo.

Ma come si riesce a capire se ci troviamo davanti ad una pietra vera? Oltre a seguire i nostri consigli, vi suggeriamo di rivolgervi ad un esperto per avere la conferma al 100% e, soprattutto, di ricevere i vari certificati durante l’acquisto di un diamante.

Leggi anche: I diamanti più costosi di sempre

Riconoscere un diamante con il giornale

Posizionando la pietra dal lato piatto (cioè con la punta rivolta verso l’alto) su un foglio di carta stampato, se si riesce a vedere tutte le righe del testo, e se attraverso la pietra si vedono le lettere ingrandite, non è un diamante vero. I diamanti rifrangono la luce e non possono essere usati come una lente di ingrandimento.

La prova con la luce

Riconoscere un diamante
Foto Shutterstock | EgolenaHK

Utilizzando la fonte luminosa di una pila o di un altra fonte concentrata di luce, va puntata sulla gemma: se si riesce a vedere attraverso l’altro lato, non è un diamante. Un diamante vero fa vedere solo ed esclusivamente un alone attorno alla pietra.

Leggi anche: Diamante nero, una pietra unica nel suo genere

Riconoscere il diamante con un respiro

Il diamante è un conduttore eccellente di calore, per cui provando ad alitare sopra alla pietra, se compare la condensa è un un diamante falso. Con un diamante vero, la nebbia formata attraverso il soffio tende a sparire in men che non si dica.

La prova del punto

Disegnando un punto nero su un foglio bianco e appoggiando la pietra sul punto con la parte piatta verso il basso, se risulterà facile distinguere il riflesso circolare del punto non si tratta di un diamante puro.

In ogni caso, ricordiamo che il modo migliore per scongiurare il pericolo di acquistare diamante finto è sempre quello di richiedere il certificato gemmologico, anzichè limitarsi ad ottenere una comune garanzia del commerciante.

Leggi anche: I 10 gioielli più costosi al mondo