Come vestirsi ad un matrimonio: regole e consigli per un look di classe

Quali sono le regole bon ton per l'abbigliamento da matrimonio? Esiste un codice di leggi non scritte per sposo, sposa e invitati, che desumono da buone maniere e stile. Scopri come sfoggiare look chic e di classe!

Pubblicato da Chiara Ricchiuti Mercoledì 28 aprile 2021

Come vestirsi ad un matrimonio: regole e consigli per un look di classe
Foto Pexels | Emma Bauso

Abbiamo pensato ad un vademecum di regole d’abbigliamento per un matrimonio secondo il bon ton. Per un’occasione così importante, l’outfit riveste un ruolo fondamentale. Non solo bisogna sfoggiare un look elegante e adatto alla cerimonia, ma l’invitato dovrà fare attenzione a non offuscare la sposa. Quest’ultima, invece, dovrà saper scegliere abito e accessori giusti. Quindi, come vestirsi ad un matrimonio? Bastano pochi accorgimenti per essere sicuri di fare la scelta perfetta. Ecco quali sono!

Galateo matrimoni: l’abbigliamento degli invitati

Il bon ton per l’abbigliamento degli invitati, prevede che amici e parenti non indossino mise troppo appariscenti. Il criterio è di non mettere in ombra la sposa. Si possono scegliere modelli stile impero, tailleur o abiti mini o midi in base ai gusti. Il vestito lungo, secondo il galateo, è concesso solamente dopo le 17. No agli outfit troppo funerei. Per le amiche della festeggiata, è consigliato vestito e soprabito. I paggetti e le damigelle, devono indossare abitini graziosi, adatti alla loro età.

Le regole bon ton per matrimonio stabiliscono che gli invitati non indossino i cappelli nelle cerimonie che si svolgono di sera, poiché possono essere portati solo di giorno. Nel mondo dei reali, sono stabilite anche le dimensioni dei copricapi in modo che le falde di ognuno di essi, non si scontrino fra loro.

Leggi anche: Sposarsi fuori stagione, la magia del matrimonio in inverno

Come vestirsi ad un matrimonio: i colori da evitare

Secondo le regole, esistono alcune tonalità da evitare assolutamente. Il primo in assoluto è il bianco: è il colore della sposa, quindi non è possibile indossare un abito di quel colore. Un’altra tonalità da evitare è il rosso, anche se negli ultimi anni è una tonalità sempre più presente ai matrimoni. L’importante è non osare con un rosso acceso e vivace. Il bon ton vieta anche l’utilizzo del viola nel look e il motivo è il seguente: rappresenterebbe il colore legato alla superstizione. Ovviamente tutto cambia se il dress code prevede una di queste tre tonalità.

Come devono vestirsi la sposa e lo sposo secondo le regole

In caso di seconde nozze o rito civile, secondo il galateo del matrimonio, il velo da sposa non è proprio indicato. Tuttavia, esistono molte alternative al classico accessorio da sposa. Alcune di queste sono la semplice veletta e i fiori freschi, da inserire fra i capelli raccolti. Il look sarà ugualmente romantico.

Leggi anche: Matrimonio in spiaggia, 8 location in Italia per il tuo sì

Esistono regole ben precise di galateo anche per gli sposi. Nelle cerimonie che si svolgono in mattinata o nel primo pomeriggio, l’abbigliamento suggerito per l’uomo è il tight o mezzo tight. La giacca deve essere scura mentre il pantalone a righe, naturalmente nello stesso tessuto. Chi preferisce il completo a tre pezzi con gilet, dovrà abbinare una camicia bianca e la cravatta in seta per seguire il bon ton del matrimonio.

Look per la mamma della sposa

Le regole bon ton d’abbigliamento per la mamma della sposa suggeriscono di evitare outfit troppo audaci. Si possono assecondare i gusti personali a patto di non scegliere le tonalità vietate per le nozze ossia il bianco e il nero (ammesso solo se la cerimonia è serale). Per un matrimonio di giorno, andrà più che bene un tailleur con giacca o soprabito.

Leggi anche: 7 cose che NON piaceranno di sicuro agli invitati di un matrimonio