Cambiare la cabina doccia del bagno: consigli per la scelta

Pubblicato da Redazione MyLuxury Giovedì 7 gennaio 2021

Cambiare la cabina doccia del bagno: consigli per la scelta
Foto Shutterstock | ImageFlow

Vuoi rinnovare il tuo bagno e installare una cabina doccia dalle performance elevate? Vuoi sostituire la vasca da bagno con un box doccia moderno e innovativo?

Qualunque sia la tua esigenza, per cambiare la cabina doccia del bagno puoi trovare, direttamente online, una vasta gamma di proposte di ogni tipo, dalle versioni più economiche, alle strutture più complesse e realizzate con materiali di pregio.

La cabina doccia oggi è un accessorio indispensabile in ogni bagno, una piccola area di benessere e di relax per concedersi una pausa rigenerante ogni giorno. Per scegliere la cabina doccia ideale occorre prestare attenzione ad una serie di elementi fondamentali: lo stile estetico, le dimensioni, i materiali e la posizione dello scarico.

Nella maggior parte dei bagni il box doccia viene installato ad angolo, e consiste in un piatto di forma quadrata o semicircolare con due pareti in vetro trasparente o satinato.

Per chi dispone di una vasca da bagno e non ha intenzione di eliminarla, un’ottima soluzione è quella di completarla con una colonna doccia e con gli appositi vetri sopravasca.

Come prendere le misura per la scelta del box doccia perfetto

La maggior parte delle cabine doccia possono essere adattate di qualche centimetro, e permettono di essere installate facilmente in qualsiasi ambiente, anche in sostituzione di un piatto doccia già in essere.

Nel caso in cui si decida di installare una cabina doccia dove non era presente, le soluzioni tra cui scegliere sono tantissime, sia in fatto di misure che di design: in commercio si trovano infatti piatti doccia quadrati, rettangolari o semicircolari di diverse dimensioni.

LEGGI ANCHE: Piatti doccia d’oro

Spesso, soprattutto nei bagni dalle dimensioni piuttosto irregolari, si può sfruttare la presenza di elementi architettonici presenti nel locale, quali possono essere nicchie, colonne e vani, utilizzandoli come parete doccia per l’installazione del soffione e della rubinetteria.

Per quanto riguarda i vetri, si consiglia di scegliere sempre vetri dello spessore di almeno sei/otto millimetri, evitando le lastre troppo sottili, soprattutto per le cabine doccia chiuse da un solo lato, dove il vetro rappresenta una sorta di elemento divisorio.

Il sistema di chiusura del box doccia può essere a battente o scorrevole, da scegliere in base alle preferenze personali e allo spazio disponibile: la soluzione della porta scorrevole si rivela infatti particolarmente ideale soprattutto per i bagni di dimensioni molto limitate.

Prestare attenzione ai materiali

In un bagno, la cabina doccia rappresenta un elemento sottoposto ad una notevole usura, soprattutto se ad utilizzarla sono diverse persone. Per tale ragione, si raccomanda di prestare la massima attenzione alla qualità dei materiali, e di prediligere vetri resistenti che possono eventualmente essere anche rimossi con facilità, per un’igiene più accurata.

Attualmente si consigliano spesso i box doccia con vetri trattati al silicio: questo trattamento consiste nell’applicare alla lastra di vetro un film protettivo che riduce drasticamente la formazione di macchie e incrostazioni di calcare, oltre a facilitare al massimo le operazioni di pulizia. Questi vetri garantiscono doti di trasparenza e limpidezza estremamente durevoli, ed evitano l’uso di detergenti aggressivi e inquinanti.