Nomad’s Pad: il progetto del campeggio più lussuoso al mondo nel cuore del Gran Canyon

Per chi ha sempre sognato di isolarsi nel deserto senza rinunciare a tutti i confort, questo complesso in via di costruzione è la soluzione perfetta

Pubblicato da Carlotta Tosoni Giovedì 5 agosto 2021

Nomad’s Pad: il progetto del campeggio più lussuoso al mondo nel cuore del Gran Canyon
Foto Instagram | @nomadspad

Si chiama Nomad’s Pad quello che per comodità definiremo un campeggio super lusso, quando in realtà è un’esperienza di soggiorno e viaggio davvero unica. Infatti, coniuga i confort di un albergo a 5 stelle al contatto più puro con la natura, portando il glamping a un nuovo livello. Il progetto di Victor e Genny Pegeanu è ora protagonista di un crowdfunding per finanziare la sua realizzazione completa, dando vita a un nuovo modo di intendere la vacanza.

Si tratta di un complesso composto da una decina di strutture proprio a forma di tenda, che all’interno celano uno spazio di 40 metri quadrati ciascuna. Realizzate in vetro, anzi i smart glass, consentono di godersi la privacy ma anche la bellezza circostante, dormendo letteralmente sotto le stelle nel silenzio di un luogo desertico. Nomad’s Pad si trova su un terreno di 20 acri disabitati nei pressi del Grand Canyon, che dista solo ha solo 25 minuti di auto. Tutto questo sorge non troppo lontano anche da Las Vegas e Phoenix, rimarcando il concetto di camping non troppo avventuroso ma decisamente confortevole.

Il deserto dell’Arizona acquisisce quindi un nuovo fascino: non è più solo ostile e misterioso, ma diviene buen retiro per una vacanza rilassante e lussuosa, lontano dalla confusione della vita caotica. Il luogo perfetto dove riposarsi e ritrovarsi.

Nulla è lasciato al caso affinché gli ospiti vivano un’esperienza il più possibile piacevole: per esempio, le tende sono progettate per calibrare la temperatura interna, rendendo la permanenza assolutamente confortevole. Perciò niente paura per caldo, sbalzi di temperatura, vento e anche animali salvatici: da dietro il vetro si possono vedere i coyote liberi, ascoltare i loro ululati così come il canto degli uccelli. La sera poi si pul uscire e respirare l’aria della natura nella più totale libertà, ascoltando il suono del silenzio.