Arte

Le news più esclusive sul mondo dell’Arte. Appassionati al mondo dell’arte seguendo tutte le novità più lussuose ed esclusive.

I quadri più costosi al mondo, da Cézanne a Pollock [FOTO]

I quadri più costosi al mondo

Acquistato con trattativa privata dalla famiglia reale del Qatar, il quadro più costoso del mondo è un dipinto ad olio di Paul Cèzanne, che un magnate greco ha ceduto per 250 millioni di dollari. La casa d’aste Christie’s di New York ha invece battuto per 142,4 milioni di dollari un dipinto di Francis Bacon, che ad oggi è quindi il secondo quadro più costoso del pianeta. Al terzo posto della classifica si colloca un’opera dell’artista Jackson Pollock, venduta per 140 milioni di dollari da un magnate dell’industria discografica e cinematografica ad un finanziere messicano grazie all’intermediazione di un critico d’arte della casa d’aste Sotheby’s di New York.

  • Un quadro del valore di 104,1 milioni di dollari
  • Uno dei quadri più costosi è di Willem de Kooning
  • L'opera di Pierre Auguste Renoir
  • Portrait of Dr Gachet da Christie's
Guarda le foto e leggi l'articolo

La classifica dei collezionisti d’arte più ricchi del mondo [FOTO]

Collezionisti d'arte più ricchi del mondo

Il mondo del collezionismo svela sempre nuovi record, ma chi sono i collezionisti d’arte più ricchi al mondo? La speciale classifica viene stilata ogni anno dall’autorevole rivista d’arte contemporanea Art Review e mette in fila le personalità più influenti del settore, collezionisti e curatori di spazi museali che mettono a disposizione le loro finanze e le loro competenze per raccogliere collezioni d’arte. I dieci collezionisti d’arte più ricchi gestiscono immensi patrimoni non solo economici ma soprattutto artistici: vediamo chi sono.

  • I dieci collezionisti d'arte più ricchi al mondo
  • Sheikha Al Mayassa bint Hamad bin Khalifa Al Thani
  • Giocatori di carte di Cezanne
  • David Zwirner
  • David Zwirner con Bill Clinton e Ben Stiller
Guarda le foto e leggi l'articolo

Gioielli Balanchine alla Scala, il balletto ispirato alle pietre preziose in scena a Milano [FOTO]

Jewels Balanchine alla Scala

Un balletto ispirato alle pietre preziose in scena in uno dei teatri più belli al mondo. Jewels, Gioielli, è il balletto di George Balanchine, coreografo che ha cambiato il mondo della danza classica, in programma dal 15 marzo al 4 aprile al Teatro alla Scala di Milano. Un balletto unico, sia nel repertorio del coreografo che nella storia della danza classica, in tre atti, ispirati a tre pietre preziose che danno il nome al singolo atto: Smeraldi, Rubini e Diamanti. Fonte primaria di ispirazione per il coreografo furono le creazioni di Claude Arpels, co-fondatore della maison Van Cleef & Arpels.

  • Jewels di George Balanchine alla Scala
  • Il primo atto è dedicato agli Smeraldi
  • I Rubini protagonisti del secondo
  • Ispirati dalle creazioni del gioielliere Arpels, ne celebra la bellezza
  • Terzo atto per i Diamanti
  • Un balletto unico nel suo genere
Guarda le foto e leggi l'articolo

Asta record per Giorgio De Chirico da Sotheby’s: grande successo per l’arte italiana

studio piazza italia dechirico record

Un successo per l’arte italiana e non solo da Sotheby’s che a Londra registra un’asta record con grande protagonista Giorgio De Chirico. La vendita del 5-6 febbraio “Impressionist, Modern & Surrealist Sales” ha infatti totalizzato 215,8 milioni di sterline, circa 260 milioni di euro a fronte di una stima che oscillava tra i 118 e i 168,8 milioni di sterline. Tra i grandi protagonisti c’è stato il pittore italiano: la carta metafisica “Studio per Piazza d’Italia”, che partiva da una base d’asta di 41-54mila euro è stata venduta per 1 milione e 586mila euro, segnando un record mondiale per uno studio dell’artista.

Leggi l'articolo

L’arte che va di moda: il gusto Neorupestre di Andrea Benetti

Andrea Benetti, le opere del pittore

Tra i piaceri che La dolce vita può offrire, uno dei più raffinati è di certo costituito dall’arte, in particolare quella contemporanea. Di pittori italiani viventi capaci di regalare intense emozioni, riconosciuti nella propria maestria a livello internazionale, non ce ne sono molti: uno di questi è senza dubbio Andrea Benetti, che nel 2006 ha presentato alla Biennale di Venezia il Manifesto dell’Arte Neorupestre.

In un mondo invaso dal consumismo e dalla materialità, dal futile e dalla falsità, l’artista formatosi presso gli ambienti culturali bolognesi, e oggi presente con le sue opere in tutto il mondo, riporta in auge un concetto di ritorno alle origini, basato sull’astrattismo, sulla semplicità del passato, sulla libertà creativa e sulla ricerca dell’essenza stessa delle cose.
I miei quadri seguono filoni diversi, alcuni fortemente ripresi dalle prime pitture rupestri che gli uomini primitivi realizzavano nelle caverne – spiega Andrea, al momento impegnato ad allestire una mostra a Bari da febbraio e poi una ad Ascoli altri sono da considerarsi più moderni, quindi una sorta di omaggio all’arte di quell’epoca. Ci sono poi dipinti tendenti all’astrazione e infine quelli più moderni, in cui immagino una pittura primordiale adattata però ai tempi attuali“.

  • Le Opere di Andrea Benetti
  • 9 novembre 1989
  • Against Violence
  • Caccia VII
  • Fior di Loto
Guarda le foto e leggi l'articolo

Castello del Mille in Piemonte: quando la magia non conosce né tempo né stagioni

Castello del Mille in Piemonte

Piemonte, regione affascinante e dall’animo nobile, dimora per moltissimi secoli di famiglie aristocratiche e regali che qui risiedettero e lasciarono testimonianze e segni inconfondibili nella zona stessa e, in generale, in tutta l’Italia.
Location prestigiosa quindi, che sprigiona classe da ogni minimo particolare, richiesta e bramata da moltissimi amanti dell’arte e della sontuosità.
I castelli presenti nell’area sono molti; pochi però possono vantare una storia e una posizione così esclusive: affacciato sulle colline del Monferrato, questo prestigioso castello in vendita risale addirittura all’anno 1000.

  • Castello in Piemonte
  • Il panorama mozzafiato
  • Tra le valli piemontesi
  • Piante rampicanti sulla facciata
Guarda le foto e leggi l'articolo

Il luogo più bello del mondo è il giardino di Villa Cimbrone a Ravello

Giardini di Villa Cimbrone a Ravello

Villa Cimbrone a Ravello è la straordinaria creazione di un eccentrico lord inglese. In passato era un ampio possedimento terriero che si passarono di generazione in generazione le varie famiglie nobiliari della zona. Tutto questo fino al 1904 quando ne divenne proprietario William Beckett, lord inglese determinato a renderlo “il luogo più bello del mondo”. Attualmente la villa è uno degli Hotel de Charme più prestigiosi di tutto il Mediterraneo, mentre i giardini, visitabili anche da chi non è ospite, sono uno dei luoghi più belli e suggestivi di tutta la Costiera Amalfitana.

  • Terrazza dell'Infinito
  • Aiuole di Villa Cimbrone
  • Pergolato
  • Parco
  • Fontana
Guarda le foto e leggi l'articolo

Asta storica da Christie’s: nuovi record per Basquiat, Lichtenstein e Pollock

pollock record

Una primavera così ricca non si era mai vista da Christie’s che con l’ultima asta tenuta a New York il 15 maggio ha frantumato diversi primati per artisti del calibro di Jean-Michel Basquiat, Roy Lichtenstein e Jackson Pollock, raggiungendo la cifra finale da record di 495 milioni di dollari, pari a circa 384 milioni di euro. In una sola vendita la casa d’asta ha sfiorato il mezzo miliardo, vendendo quasi tutte le opere presentate e chiudendo con prezzi altissimi non solo per le opere degli artisti più famosi. Alcuni dipinti di autori forse meno noti ai più hanno raggiunti cifre da capogiro.

Leggi l'articolo

AION Masterpieces SA, la piattaforma di Fine Art Management per collezionisti d’arte

Dipinti di P.P.Rubens

Studiando la nascita e la formazione delle grandi collezioni si ha l’impressione che le opere d’arte tendano quasi di moto proprio ad accostarsi, a ricostruire i legami originali andati persi. Questo dialogo virtuale così facilitato permette all’osservatore una migliore comprensione non solo delle opere stesse, ma anche dell’autore e del contesto nel quale sono state create, oltre che, last but not least, un maggior piacere nella visione.

  • Trionfo della Verità Eucaristica sull’Eresia
  • Dettaglio del Trionfo
  • Atalanta e Meleagro
  • Bacco sul un barile
  • Dettaglio di Bacco su un barile
  • Un altro dettaglio del dipinto dedicato a Bacco
  • Uno dei personaggi del dipinto
  • Paesaggio Tempestoso con Filemone e Bauci
Guarda le foto e leggi l'articolo

Ritz di Parigi, scoperta opera d’arte del pittore del Re Sole nella suite di Coco Chanel

Charles Le Brun dipinto Ritz Paris

Una scoperta sensazionale per un’opera d’arte finora sconosciuta. Al Ritz di Parigi è stata infatti ritrovata una tela dipinta da Charles Le Brun, pittore personale del Re Sole, Luigi XIV. La scoperta è avvenuta nella suite dove per 30 anni visse Coco Chanel: qui è stata ritrovato il dipinto che reca l’iscrizione CLBF 1647, “Charles Le Brun Fecit“. L’opera, olio su tela, raffigura Polissena, mitica principessa troiana tanto che gli esperti di Christie’s l’hanno intitolata “Le sacrifice de Polyxène“. Ora il quadro sarà esposto presso la casa d’asta e messa in vendita con una stima che oscilla tra i 300 e i 500mila euro.

Leggi l'articolo

Asta record da Sotheby’s per un disegno di Raffaello venduto a 36,6 milioni di euro

Raffaello testa di Apostolo Sothebys

Asta da record da Sotheby’s a Londra mercoledì sera. Nel corso della vendita è stato infatti battuto un disegno preparatorio di Raffaello Sanzio, “Testa di Giovane Apostolo”, schizzo preparatorio della celeberrima “Trasfigurazione”. All’annuncio del lotto si è scatenata una vera gara al rialzo: partita da una stima iniziale di 10 milioni di sterline, dopo diciassette minuti l’opera è stata aggiudicata per 29,7 milioni di sterline, pari a 36,6 milioni di euro. Il disegno del grande pittore italiano ha così stabilito un nuovo primato, diventando l’opera di Raffaello su carta più costosa mai battuta a un’asta e superando il disegno “Testa di Medusa” venduta per 29,2 milioni di sterline.

Leggi l'articolo

Record da Sotheby’s per un quadro di Gerhard Richter: è il più costoso per un artista vivente

richter opera

Un nuovo record per il mondo dell’arte. Questa volta arriva dalla sede di Londra di Sotheby’s dove un quadro di Gerhard Richter è stato venduto per 34,2 milioni di dollari, diventando il più costoso per un artista vivente. L’opera in questione è intitolata Abstraktes Bild (809-4) ed era stata acquistata per 3,4 milioni di dollari circa 11 anni fa dal cantante e musicista Eric Clapton insieme ad altre due opere dell’artista tedesco: per lui l’affare è stato più che ottimo visto che con una sola opera ha incassato dieci volte quello che aveva speso.

Leggi l'articolo

All’asta da Christie’s capolavoro di Kandinsky dal valore milionario

kandinsky 8

Christie’s ha annunciato il primo lotto per l’asta della Evening Sale di arte impressionista e moderna in programma il prossimo 7 novembre a New York. Si tratta di “Studie für improvisation 8″ di Wassily Kandinsky, realizzato nel 1909 per la serie “Improvvisazioni”. Più che importante la stima per il capolavoro dell’artista russo che oscilla tra i 20 e i 30 milioni di dollari: secondo la casa d’asta ci sono tutte le caratteristiche perché venga superato il record per un’opera del pittore, fissato a 20,9 milioni di dollari nel 1990.

Leggi l'articolo

L’arte in villa: una mostra di Patrizia Cassina

Patrizia Cassina opera

Spesso non serve essere ricchi per poter partecipare a eventi di lusso, siano essi degli spettacoli musicali o delle mostre d’arte. Talvolta basta la location giusta e l’ambientazione giusta, per trasformare una serata dai toni classici e frugali in un evento particolare e da ricordare. Ne è un esempio la mostra personale di Patrizia Cassina, dal titolo “Quasi”.

Leggi l'articolo

Louis Vuitton e Yayoi Kusama, la collezione tutta a pois della maison [FOTO]

Louis Vuitton Yayoi Kusama

Una collezione che racconta il mondo di Louis Vuitton attraverso gli occhi di Yayoi Kusama, la più grande artista giapponese contemporanea. La maison ha lanciato la “Louis Vuitton – Yayoi Kusama“, lo scorso 10 luglio, in occasione del vernissage della mostra dell’artista al Whitney Museum di New York, una retrospettiva di cui Louis Vuitton è partner e che narra il mondo della Kusama. I colori e le forme tipiche dell’artista nipponica incontrano accessori e la moda di LV in una collezione ultracontemporanea e dal fascino unico.

  • Louis Vuitton Yayoi Kusama, la collezione
  • Louis Vuitton Yayoi Kusama Coin Purse Chapeau Monogram
  • Louis Vuitton Yayoi Kusama Lock it MM Mng
  • Louis Vuitton Yayoi Kusama, la collezione
  • Louis Vuitton Yayoi Kusama  Papillon
  • Louis Vuitton pochette Accessoires Monogram Dots
  •  Louis Vuitton Yayoi Kusama Pumps Dots
Guarda le foto e leggi l'articolo
Seguici